SCARICARE MUSCIA DALLA RETE E’ ILLEGALE, TRANNE CHE PER RUTELLI

“Dove può arrivare la psicosi elettorale! Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro per i Beni e le Attività Culturali, On. Francesco Rutelli, in occasione di una serata dedicata alla campagna elettorale per il Comune di Roma, ha omaggiato i giovani presenti di una pen-drive con tanto di logo “under 30 per Rutelli”. La sorpresa arriva quando, consultando i contenuti della chiavetta, si scopre che sono contenuti files di installazione di vari programmi tra cui eMule – noto software per scaricare illegalmente files protetti da diritti d’autore. Ora il popolo della rete penserà che sia legittimo scaricare musica, film e materiale coperto dal diritto d’autore. Ma si sbaglia di grosso. Non c’è dubbio che una poltrona al Campidoglio conti più del rispetto delle leggi italiane (che puniscono severamente chi scarica musica protetta dal diritto d’autore), ma quel che è ancor più grave, è la scarsa attenzione della sinistra nei confronti di un settore che quotidianamente vede vanificare gli investimenti, non di grandi industriali, ma di piccoli imprenditori, proprio per il loro disinteresse politico. Nella scorsa legislatura Rutelli come Ministro, insieme al carrozzone di deputati della sinistra più opportunista, hanno giurato di proteggere a spada tratta l’industria e la filiera distributiva del cinema e dell’home entertainment. Il famoso giuramento di Pinocchio che non poteva appartenere ai profani che hanno governato fino a ieri. Caro Rutelli, la sua faccia da bravo ragazzo è stata smascherata ancora una volta: tornerà a diventare un burattino di legno”.

Lascia un commento