Terapia eco-compatibile: dal carapace dei crostacei ricavate le protesi per curare le lesioni nervose. Poi l’organismo le riassorbe. Il guscio dei crostacei è preziosissimo per il genere umano

Mini-protesi artificiali al chitosano saranno disponibili a fine ann. Il polisaccaride ricavato dal carapace dei crostacei, sarà utilizzabili nella cura delle lesioni nervose. Si tratta di una terapia del tutto naturale quanto eco-compatibile, già impiegata da sei mesi in Europa. La loro realizzazione deriva dalla rigenerazione degli scarti della pesca di crostacei, come granchi o gamberetti. Si calcola che sulle oltre 200’000 lesioni all'anno provocate in Europa da incidenti sul lavoro, sulla strada o in casa, circa il 5-10%, pari a 10-20'000 casi, potrebbe beneficiare di tali protesi. Queste ultime permettono un recupero funzionale dei nervi lesionati paragonabile a quello degli innesti autotrapiantati. Questi mini-apparecchi, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” ,sostitutivi simili a tubicini sono del tutto assorbibili dall'organismo in sei mesi o un anno, senza alcun tipo di controindicazione o rischio di rigetto. Al momento ogni protesi è in grado di coprire una lesione fino a tre centimetri ma la ricerca si è orientata a chiudere lesioni fino a sei centimetri.

Lecce, 26 novembre 2015

Giovanni D’AGATA

Lascia un commento