Garavini (PD) al convegno "L‘Italia, potenza morbida. Gli stumenti culturali della nostra politica estera"

“Cultura: volano della ripresa economica, in Italia e all‘estero”

“Di cultura si „mangia“ eccome. Inoltre, un potenziamento strategico della nostra offerta culturale, in Italia e all‘estero, può essere un vero e proprio volano per la crescita economica del nostro Paese”. Lo ha detto Laura Garavini, componente dell‘Ufficio di presidenza del Pd alla Camera, intervenendo al convegno da lei promosso in collaborazione con l´Isag “L´Italia, potenza morbida. Gli stumenti culturali della nostra politica estera”.

“L‘Italia ha tutti i presupposti per trarre grandi vantaggi dall‘offerta culturale di italianità, dentro e fuori i confini nazionali. Ogni euro investito in cultura produce in Italia 1,7 € di indotto in altri settori, non culturali. Giá adesso siamo il primo paese al mondo per esportazione di design e il quarto paese al mondo per esportazione di beni creativi. E il consumo di Italia nel mondo è destinato ad aumentare: tra soli 15 anni, mezzo miliardo di persone nei paesi emergenti sará nelle condizioni economiche di accedere ai simboli di benessere, al meglio rappresentati dal cosiddetto made in Italy: stile, creatività, gusto, benessere. Tutti questi fattori rappresentano le migliori premesse affinchè ad un maggiore investimento in cultura corrisponda un boom in termini di indotto economico. A tale scopo può contribuire in modo determinante la rete di Istituti italiani di cultura all‘estero, la cui organizzazione merita però una radicale riforma. Proprio a tale proposito”, ha concluso la deputata, “mi sono resa promotrice di un Progetto di legge in cui prevedo l‘isituzione dell‘Agenzia Leonardo, con l‘obiettivo di garantire autonomia gestionale e finanziaria agli IIC.”

Lascia un commento