Allarme sifilide: in Italia farmaci quasi introvabili e troppo costosi

Allarme sifilide: in Italia farmaci quasi introvabili e troppo costosi Non è mai scomparsa del tutto, ma la sifilide oggi sembra fare il suogran ritorno anche nei paesi occidentali dopo un periodo in cui la suadiffusione era apparsa molto limitata. Ed anche in Italia i casiraddoppiano di anno in anno mentre, gli indici più alti sono a Roma eMilano. La diffusione della malattia riguarda tutte le categoriesociali: uomini e donne, eterosessuali ed omosessuali. Alto il numerotra i transessuali e le prostitute. E mentre negli Stati Uniti è stato lanciato l’allarme sifilide inCalifornia, dove l'industria del porno è stata costretta a fermarsiper fare luce sui preoccupanti focolai di infezione rilevati nelleultime settimane, Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello deiDiritti”, accoglie e rilancia l'allarme inoltrato da più parti alleautorità competenti dal mondo dermatologico venereologico italiano chesi occupa di terapia nella Sifilide sulla carenza dei farmaci che sonoquasi introvabili e a prezzi decuplicati soprattutto per i tantimalati che non possono permettersi una terapia costosa, maindispensabile. Questo è un problema che si sta ravvisando con moltipazienti che debbono curarsi immediatamente dopo la diangosi diSifilide. La Benzilpenicillina 1,2 milioni di unità, la terapia elettiva percurare con efficacia la Sifilide, è divenuta quasi introvabile inItalia. Fra l'altro questa terapia che costava prima poco più di 2 euro afiala ora risulta sul mercato a prezzo 10 volte superiore, più di 24euro a fiala! Pensiamo a tutti quei malati di Sifilide che debbonoaffrontare lunghe terapie (e quindi molteplici fiale) per debellare iltreponema completamente dall'organismo, secondo schemi curativialtamente protettivi. La riesplosione della sifilide è dovuta principalmente alla mancanzadi campagne di educazione della popolazione sulle malattiesessualmente trasmesse. La sifilide è una malattia a trasmissione sessuale, causata da unbatterio, il Treponema Pallidum. La principale causa di trasmissionesono i rapporti sessuali non protetti e i primi sintomi non sonoeclatanti così spesso vengono sottovalutati dai pazienti fino a quandointeressano gli organi interni causando infarti, ictus e cecità. Lamalattia colpisce senza distinzioni d'età o di nazionalità, ma è piùfrequente nei soggetti sieropositivi e nelle giovani donne straniereche spesso scoprono di esserne affette durante i controlli ingravidanza. Giovanni D’Agata si augura che il Ministero e le autorità competentiintervengano per riportare alla normalità questa grave situazione checolpisce i pazienti affetti da questa malattia sempre più frequente inItalia.

Lascia un commento