CONFLITTUALITA’ POLITICHE E CIRCOSCRIZIONI ESTERE

Non so per voi cari concittadini all’ estero, ma al sottoscritto appare strano che dopo 6 anni di circoscrizioni estere e rappresentanze in parlamento, per noi ci siano stati solo tagli. Si tagliava nella breve passata legislazione di Prodi e si e’ tagliato in questa appena fallita. Nel 2006 si tagliava e l’ opposizione di centro destra si indignava, si e’ tagliato nel 2008 ad oggi e adesso spetta al centro sinistra indignarsi. Qualcuno ovviamente ci sta prendendo per il cul..! Non vi pare? La` ragione per cui sono sempre stato contrario a delle rappresentanze nostre in parlamento, oggi e’ palese, tra i nostri eletti all’ estero, nel corso dei 6 anni, si e’ venuta a creare piu’ conflittualita’ che coesione. Hanno subito dimenticato il motivo saliente e di base del loro mandato, (e non solo dall’ estero ) ossia la difesa dei diritti dei cittadini italiani e quelli sparsi per il mondo. Vi potra’ mai essere un cambiamento di rotta nel futuro? A nostro avviso, un no secco! Faremmo meglio a ritornare al voto paritario passivo e attivo, al di la’ delle modalita’ di voto (mi accontenterei anche via piccione) La nostra dialettica e’ semplice e accessibili a grandi e piccini, come abbiamo sempre esplicato nei nostri scritti, il voto paritario a tutte le tornate elettorali, spingerebbe il candidato, al parlamento, o enti locali italiano (e non) a venire all’ estero a chiedere i voti, 4 milioni di potenziali voti, fanno gola a chiunque e nelle mani di pochi eletti all’ estero, sono voti inutile. Con il voto paritario anche Mamma Rai ci prendera’ piu’ in considerazione!!!

Carmine Gonnella (Progetto Pie) Londra / Italy

Avatar

Lascia un commento