CI SIAMO ! A COSA SONO SERVITI I CONTI IN ORDINE DI TREMONTI ? SOLO PER AFFOSSARE ULTERIORMENTE L’ECONOMIA !

Ho avuto dei detrattori, anche squallidi dal punto di vista dialettico-interlocutorio, che ora mi devono dire se quanto avevo a suo tempo scritto sulla stampa, erano favole, oppure se ciò rispondeva ad oggettiva realtà, atteso che l’Italia oggi sta vivendo una situazione gravissima.

Il mercato interno langue, la borsa è alla deriva, la politica è allo sbando, le opposizioni fanno tutt’altro che opposizione, l’inflazione galoppa oltre il 2,6% , il potere di acquisto di salari e pensioni ormai ha raggiunto livelli impressionanti, non è più intravvedibile uno spiraglio per uscire dal debito pubblico ormai insanabile (120% del PIL) e che, giocoforza, malgrado le belle parole dell’inventore della finanza creativa, alias Giulio Tremonti, oggi 11/7/2011 sta dando dei grossi grattacapi non solo a noi, ma anche all’intera UE quasi al pari della Grecia, uno spread titoli record di oltre 300 punti fra Italia-Germania, una Merkel che chiama al telefono Berlusconi invitandolo ad approvare (in casa d’altri) la manovra, una Piazza Affari che ogni giorno sta affondando sempre di più, gli enti locali che sono al soffocamento, odore concreto di bancarotta, la Consob che vara soltanto ora una stretta sulle vendite allo scoperto per evitare eccessivi ribassi di borsa ecc.ecc., insomma, indici tutti da bollettino di guerra.

Ciò che mi preoccupa è il richiamo, più invocazione che richiamo, del Capo dello Stato che invita alla coesione in quanto si stanno presentando prove difficili. Quali ? Quelle dell’estrema unzione ? Con tutto il rispetto per Giorgio Napolitano, ultimo baluardo serio e rispettabile di una situazione che, a mio avviso, è già precipitata.

Il guaio è che neanche un eventuale cambio del governo potrà dischiudere qualcosa di positivo, se vuoi anche di debole prospettiva, in quanto ormai tutto è stato compromesso da un centro-destra che, anziché governare, ha sempre fatto i suoi interessi. Come si scopre ogni giorno dai mille intrallazzi, anche da parte di Ministri che si potevano immaginare insospettabili, ma che poi si sono rivelati come sappiamo, ossia una cricca…fatte salve le pochissime eccezioni.

Si potrebbe aggiungere altro ?

Lascia un commento