LA DEMOCRAZIA E’ UN BENE COMUNE E LA COSTITUZIONE E’ IL PUNTO DI PARTENZA

Sapete perche’ l’iniziativa di Grillo ( parlamento pulito) dopo un anno e’ ancora parcheggiata sulla scrivania di Shifani? Perche’ in Italia ci sono 60 milioni di anime perse, ma di Grillo uno solo!

La Costituzione non e’ monopolio di nessuno ma appartiene al popolo, esercitando la sovranita’ nelle forme e nei limiti della Costituzione. Quali sono questi limiti costituzionali? Uno innanzi tutto: “il controllore che controlla se stesso”, questo fa fatto si che l’Itaia da Repubbica democratica diventasse una Oligarchia, quella che ho sempre definito “dittatura dei pochi” Chi dovrebbe controllare il controllore, ossia il governo? Secondo la nostra Costituzione sono le varie Commissioni, le varie Giunte, Quirinale, Camera, Senato e dulcis in fund il titolo sesto’ “garanzie costrituzionali” ossia la Corte Costituzionale. Sto afferamando che tutti questi pesi e contropesi (paletti) sono controllati dal governo? SI! Non solo il solo a dirlo ma lo stesso Berlusconi : “ La Consulta e’ tutta di sinistra”, Nel dire cio’ l’imprenditore prestato alla politica contraddice se stesso e riafferma la mie tesi. E’ l’opposizione? Viene messa a tacere con decreti e voti di fiducia, guarda caso anche questi gestiti dal governo e prima che la Consulta si pronunci sui decreti, arriva il buio, il danno e’ gia’ stato arrecato alla Denocrazia ( vedi leggittimo impedimento) Dicevo che “La democrazia e’ un bene comune e la Costituzione e’ il punto di partenza”. Ma allora da dove inziamo? Dalla domocrazia partecipativa e diretta! La nostra Costituzione ( ed ho appena iniziato a conoscerla) e’ una Carta a cui tutti dobbiamo essere fedeli, nel bene e nel male, essa prevede che il cirradino puo’ sostituirsi al legislatore. Addirittura? A parte l’articolo 50 che serve solon ad indirizzare il legislatore ( il controllato) e l’articolo 75, che per decenni e’ stato usato ( salvo in alcuni casi) dal controllato a mo’ di sondaggi, un po’ come faceva il Re, con lo Statuto Albertino. C’e’ ( ancora ) l’articolo 71

Il popolo esercita l'iniziativa delle leggi, mediante la proposta, da parte di almeno cinquantamila elettori, di un progetto redatto in articoli. Dice 50 mila e non un milione. Sapete peeche’ l’iniziativa di Grillo ( parlamento pulito) dopo un anno e’ ancora parcheggiata sulla scrivania di Shifani? Perche’ in Italia ci sono 60 milioni di anime sperse, ma di Grillo uno solo! Quindi l’unica rivoluuzione senza armi possibile in Italia e’ che l cittadino si riprenda i suoi diritti costituzionali e si sostituisca al legislatore.

Lascia un commento