DUE SALSE UN PO’ DIVERSE

Nell’era della globalizzazione, un Paese che non si guarda allo specchio, per correggere i propri errori e migliorarsi, è un Paese senza futuro.

Un popolo che non ha costruito una società, che ha eliminato i valori nella vita sociale, che è strutturato in clans, cordate, bande e tribù, è un popolo che va al suicidio (con coscienza o incoscienza, sempre suicidio sarà).

Dai mei contatti in Italia e su Internet è chiaro che quasi nessuno ha idea di cosa si dovrebbe cambiare…., nel Paese confuso.

Credevo che, anche se nel Bel Paese la riflessione lucida si è molto “ammosciata”, fosse diffuso fra chi ha fatto il liceo o l’università un minimo di logica e struttura per ragionare. Ormai è chiaro che mi sono sbagliato. Il realismo è sparito in un sistema dove la cappa di menzogne, di verità nascoste, di doppio linguaggio, di comportamenti e mentalità sottosviluppati, lo hanno ammazzato…..

Allora, per quelli che continuano a seguire la Commedia dell’Arte Politica (colpa dei Ghibellini/snst; o colpa dei Guelfi/dstr), propongo una logica semplice, chiara e realista. Anzi europea.

ESSERE COMPETITIVI

Il mercato globalizzato è una scure inesorabile, non si affronta all’italiana (con fantasia, accuse, confusione). Se sei efficiente… vendi. Se vendi, …..crei occupazione.

Se sei inefficiente, non vendi, ma …..assisti alla fuga degli imprenditori, dei cervelli. In compenso, puoi giocare alla destra e sinistra…. La qual cosa significa, in Italia : “Voglio andare io a gestire la greppia (per il mio clan), cioé impedisco all’ altro clan di prendere la cassa”.

IL RUZZOLONE

In un Paese che sta esaurendo le risorse pubbliche (siamo alla frutta a e non c’ è dessert), che non ha metodi di gestione efficaci e per il lavoro di qualità, ove non esistono le capacità di costruire il sociale, quello che si fa con nonchalance è pagare in priorità le prebende, talvolta favolose, dei politici (cioé ….quelli che hanno usato il piccone, per scassare….).

Efficienze

Essere efficienti, come ? Basta la salsa dello sviluppo, ad ogni portata.

Essere inefficenti, come ? Basta la salsa del sottosviluppo, ad ogni piatto.

La salsa dello Sviluppo:

coerenza, sincerità, rigore, regole chiare, responsabilità e affidabilità. Bastoni e carote per allontanare o punire i demagoghi, gli stolti o gli irresponsabili. Obblighi del proprio ruolo. Giustizia chiara, funzionante, organizzata. Leggi eguali per tutti, affidabili, sicure per la chiarezza, inesorabili. Qualità del lavoro, merito, organizzazione (1), impegno, strategie, programmi.

Credo che in Italia, per molti anni, la salsa dello Sviluppo, sia stata assente.

La salsa del sottosviluppo:

libertà totale di farsi le proprie regole, doppi scenari, doppio linguaggio, lassismo. Interpretazione libera del proprio ruolo, dei propri tempi, irresponsabilità, verità di dstr e verità di snst (nella stessa situazione). Demagogia, giornalisti sonnolenti o in attesa di ordini da qualcuno. Assenza di organizzazione (1). La non qualità, la non risposta….diffuse… Emergenze. Ruote grippate, pantani diffusi. Complicità. Insomma tutto quello che genera incertezza, tutto quello che aumenta i costi.

La salsa dello sviluppo, piuttosto diffusa in U.E., è contenuta generalmente in una coppa di coccio robusto, sui cui si puo’ trovare una scritta: SERIETA’.

La salsa del sottosviluppo è spesso contenuta in una insalatiera di ceramica con bei colori. Non c’è scritta. Ma chi ha occhi aperti puo’ leggere: SPRECHI ….. Pero’ non è scritto. Quindi non se ne parla……

Cosa è successo in Italia

La mia ricostruzione di quanto successo negli ultimi decenni. Brutti ceffi hanno preso il potere, senza avere capacità professionali. Hanno chiamato compari, capaci di manovre di corridoio, raramente di gestione corretta. La diffusione della demagogia, che in un Päese ignorante fa lunghi percorsi indisturbata, ha facilitato la diffusione di nuovi comportamenti, basati sugli interessi privati (facile se i controlli sono evanescenti, o i legislatori scrivono leggi all’ italiana , cioé non strutturate, né verificate, né chiare). Questi nuovi comportamenti hanno avuto, come primo obiettivo l’assassinio della serietà, della coerenza, dell’ onestà, del lavoro di qualità, e il rimpiazzo di una società con clans, congreghe, confraternite, ghenghe. Nessuno, durante le evoluzioni, ha chiesto: “ma forse l’efficienza se ne va a spasso ?”

Gli sprechi diffusi, la corruzione indisturbata, la finanziaria difficile, ci hanno fatto notare che…. l’ efficienza era sparita e la professionalità pure…..

Un ex-ministro della giustizia (Castelli) dichiara che la giustizia è in crisi da un decennio (oggi 83 % dei delitti sono impuniti). Ad un europeo appare chiaro che la giustizia, come il Paese, come la salute, non potrà essere veramente migliorata se gli Italiani non imparano l’ organizzazione, la precisione, la coerenza, la puntualità, il lavoro di qualità insomma….Il Magreb rischia di avvicinarsi… a meno che non prendiamo contromisure. Per le quali espatriati possono e devono aiutare. La prima contromisura è un paragone serio coll’ Europa…..

APRITE GLI OCCHI ……..

————————-

(1)L’ organizzazione, qualcuno direbbe, riguarda la capacità di strutturare contenuti, fasi e tempi di una gestione complessa (un Paese, l’ Alitalia, ad es.). Siete d’accordo ?

Io direi anche che tale tipo di organizzazione (il II tipo) diviene ovvia se c’é l’ organizzazione del “primo tipo”. L’ organizzazione del I tipo, piuttosto diffusa in U.E., è l’organizzazione mentale. Il vaccino contro la confusione…Cioé la forma del pensiero. Che in tanti Paesi europei si impara a scuola. In Italia invece, essa mi sembra insegnata solo nelle università, nelle facoltà scentifiche, non ovunque. Qualcuno puo’ correggermi ?

Si potrebbe anche sostenere, per estensione, che un rinnovamento eventuale del Paese dovrebbe essere gestito non da azzeccagarbugli (dotati di intuito politico), ma da tecnici, per essere efficace…

Antonio Greco

angremi@orange.fr

(disponibile per presentare le cause del degrado, delle incapacità, dei fallimenti)

Lascia un commento