MA DOBBIAMO DAVVERO CREDERE AI PIPISTRELLI CINESI O AD ALTRE BESTIE NOSTRANE QUALI CAUSA DEL CORONAVIRUS DI CUI ANCORA OGGI SAPPIAMO NIENTE O QUASI ? O, PEGGIO ANCORA, CHE FINGIAMO DI NON SAPERE ? O, MOLTO PIU’ VEROSIMILMENTE, NULLA DI TUTTO QUESTO ?

Già alcune settimane fa avevo espresso su questo giornale, ovviamente da giornalista sprovveduto in materia virale, ma l’ avevo scritto anche molto prima e cioè addirittura una …quindicina di anni fa su alcuni miei libri, che una peste di questo tipo non solo si sarebbe presentata nel medio termine, ma avrebbe avuto ben altre origini rispetto a quanto ci dice ora la scienza ufficiale verso la quale, le mie precarie risorse in chiave virologica, avrebbero e tuttora hanno la peggio. Mi si obietterà che non ho gli elementi per fare dei discorsi della specie, realtà che, più o meno giustamente, non può trovare che detrattori da parte degli scienziati che si occupano della patologia che sta aggredendo il pianeta. Oggi però avrei più forza per ipotizzare che forse siamo tutti fuori strada in quanto, proprio in questi giorni, le varie teorie di Rudolf Steiner, filosofo austriaco, su cui annetto culturalmente da molti anni il mio interesse, hanno dato riviviscenza a pensieri che, anche per l’età, ma soprattutto perché erano e sono più grandi di me, avevo collocati in un polveroso cassetto.
E vengo al dunque.
Su vari studi di un noto professore di Boston, tale Thomas Cowan, cultore pure lui delle teorie del predetto filosofo Rudolf Steiner, viene ipotizzato, ma anche in qualche misura accertato che :
sarebbe l’inquinamento elettromagnetico a causare i vari virus che sono nient’altro (così li chiama lui) che escrezioni di cellule avvelenate che si formano appunto in presenza di forte tossicità nell’ambiente e che, cercando di pulirsi eliminando dette escrezioni-detriti, determinano alterazione dello stesso Dna umano, quasi in tempo reale. E ciò succede quando si espone un qualsiasi individuo in un campo elettromagnetico, cosa di cui siamo tutti un po’ al corrente (è proprio il caso di dirlo trattando questo tema di natura simil-elettrica).
Thomas Cowan, ha osservato infatti da anni detto fenomeno mettendo nero su bianco su diversi suoi trattati scientifici, spiegandolo anche con parole adatte alla comprensione popolare. Egli ha citato, fra tante altre osservazioni, i…delfini che vivono al circolo polare artico da centinaia di anni per i quali nessuno si sogna di studiare il loro genoma… semplicemente perché sarebbe stupido farlo… ed inoltre egli ha citato un esperimento fatto a Boston durante il quale è stato iniettato muco nasale di soggetto malato a vari soggetti sani senza che nessuno di questi ultimi si ammalasse… ergo serve l’attuale mascherina ?
Secondo detto studioso, assertore delle teorie di Rudolf Steiner, le origini della patologia in atto deve inquadrarsi in ben altro, in primis sul predetto inquinamento elettromagnetico che sta trasformando la stessa natura umana. Si provi a pensare che, se con i nostri telefonini possiamo trasmettere in tempo reale messaggi da Boston al Sud Africa o qualsiasi altro posto, non ci sia un effetto che fa da contraltare negativo a detta comodità virtuale ? E che dire del sistema WI FI, delle onde radio attorno al mondo, dei radar, dei raggi cosmici incorporati provenienti dal Sole, dalla Luna, da Giove per distribuirli a tutti noi attraverso i vari strumenti del progresso, cose tutte che avvelenano le nostre cellule le quali, reagendo, espellono, come detto dianzi, i detriti, alias virus ?
E che dire ancora del superamento o meno della fascia di Van Allen che, per chi non lo sapesse come me, costretto a documentarmi su Wikipedia) è un toroide di particelle cariche (plasma) all’interno della magnetosfera terrestre trattenute dal campo magnetico terrestre per effetto della forza di Lorentz che, urtandosi tra loro, perdono energia cinetica sotto forma di radiazione che raggiunge i 30 keVi ?
Detto questo, anche per concludere in sintesi questo pezzo, vorrei ricordare che, in questi ultimi tempi (parlo solo di mesi) per la prima volta in assoluto si è fatto un salto di “qualità” (si fa per dire) nell’elettrificazione della terra tanto da non poter conoscerne ancora gli effetti di tale operazione.
Domanda: “Non sarà che, per esempio, la tanto osannata (ma solo dalle aziende produttrici) copertura 5G, con i suoi 20.000 satelliti (?) (parlo da ignorante in materia) che ha visto Wuhan cinese come prima città al mondo con riferimento a detta copertura 5G possa aver determinato una tale tempesta a cui stanno facendo seguito, gradualmente ma progressivamente, in tempo quasi reale, i siti più industrializzati che, guarda caso, stanno interessando in negativo anche la nostra area lombardo-veneta, notoriamente la più industrializzata ed all’avanguardia d’Italia ? Esattamente come scrivo ormai da anni ? Senza il coraggio di affermarlo per tema di venir deriso dai soloni della scienza ? Che ora cerca, a ragione, solo di debellare il virus senza porre mente ai fattori che lo determinano in quanto sarebbe non produttivo per l’economia ed il progresso ?
Da ultimo, ci rendiamo conto della mole di metalli che abbiamo incorporato, noi esseri umani, a causa delle radiazioni che, a mio avviso, possono distruggere o trasformare anche i nostri Dna ? Che ora fanno dell’essere umano un portatore di una patologia che io chiamerei tout court sindrome da “creatura elettrica” rispetto a quella di appartenenza strettamente fisiologica, condizione che può alterare persino i risultati degli elettrocardiogrammi o di altri accertamenti che siamo soliti fare ovunque, e ciò, a causa dei metalli che abbiamo incamerato a furia di inquinamento elettromagnetico ? E la constatazione che il virus si sta propagando praticamente in tempo reale (10-15 gg. infatti sono un’inezia) non fa pensare a nulla rispetto a tutto questo ? O tacciamo per paura ?
Stante forse l’irreversibilità della situazione ?
ARNALDO DE PORTI
Belluno-Feltre

4 commenti su “MA DOBBIAMO DAVVERO CREDERE AI PIPISTRELLI CINESI O AD ALTRE BESTIE NOSTRANE QUALI CAUSA DEL CORONAVIRUS DI CUI ANCORA OGGI SAPPIAMO NIENTE O QUASI ? O, PEGGIO ANCORA, CHE FINGIAMO DI NON SAPERE ? O, MOLTO PIU’ VEROSIMILMENTE, NULLA DI TUTTO QUESTO ?”

  1. Sono un sostenitore di questa possibilità. Preventivamente, in qualità di consigliere comunale, ho cercato di sensibilizzare il Consiglio riguardo a questo eventuale pericolo, avvalendomi anche del materiale pubblicato sul sito dell’Alleanza Italiana Stop 5G ma con scarsi risultati.
    Penso che le conseguenze potranno essere molto gravi.

    Rispondi
  2. Ognuno e libero di esprimere liberamente il proprio pensiero, tuttavia si dovrebbe parlare di cose di cui si ha conoscenza e non solo per riempire dei fogli.
    Non voglio entrare nello specifico, sarebbe sufficiente leggere un buon testo universitario di igiene per rendersi conto che la verità è ben diversa.
    Qualcuno sicuramente saprà che la gran parte delle manifestazioni influenzali sono di origine aviaria, ossia uccelli che nelle loro migrazioni fanno da incubatori ai virus.
    Mi limito a rammentare il commento di Eracleone da Gela , storico del 233 a.c. che raccontava di concittadini provenienti dall’Asia in primavera ” queste genti ci hanno donato un male nell’aria che respiriamo se stiamo loro vicini. Il male ci tocca e resta con noi e da noi passa ai nostri parenti . Il tempo trascorrerà e sarà il nostro alleato…”
    Già allora si conosceva l’influenza ma non si conosceva l’ELETTRICITÀ o meglio l’elettromagnetismo di cui si parla a sproposito, allora infatti non esisteva l’elettricità e tanto meno il 5g .

    Rispondi

Lascia un commento