Incontro pubblico online dell’Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica SABATO 21 MARZO

L’Associazione Luca Coscioni riunisce alcuni tra i più importanti scienziati, accademici e giuristi italiani, assieme a Parlamentari e altri cittadini, in occasione di un incontro pubblico virtuale finalizzato a fare il punto della situazione covid19, ma anche per guardare alle prospettive di più lungo termine per la politica e la scienza in Italia e nel mondo.

E’ di fondamentale importanza che le azioni urgenti intraprese dal Governo -proprio perché attuate necessariamente in situazione di assoluta emergenza e sospensione delle principali garanzie di controllo democratico e giurisdizionale – siano accompagnate dalla massima pubblicità del dibattito sia sulle misure in corso e sulle possibili iniziative da qui in poi.

Non solo. In un Paese dove per decenni la scienza è stata umiliata da proibizioni insensate, continui tagli ai finanziamenti e meccanismi clientelari nella gestione dei fondi, è fondamentale -proprio in situazioni di emergenza- gettare le basi per un nuovo rapporto tra scienza e politica, fondato sulla condivisione della conoscenza e il rispetto dei fatti, contro ogni manipolazione ideologica, e i necessari investimenti per la salute e il futuro di tutti.

Da questo punto di vista, un aiuto a individuare il da farsi è fornito dal cosiddetto “diritto alla scienza”, le cui modalità di affermazione sono appena state sancite dal Comitato dell’ONU sui diritti economici, sociali e culturali, anche grazie all’iniziativa di Associazione Luca Coscioni e Science for democracy, in particolare in occasione del Sesto Congresso mondiale per la libertà di ricerca scientifica tenutosi a Addis Abeba a febbraio con Unione Africana e UNESCO.

L’Incontro pubblico di sabato discuterà una serie di raccomandazioni rivolte all’Organizzazione Mondiale della Sanità per una riforma strutturale del sistema mondiale di allerta e contrasto alle pandemie, a partire dalla riduzione dei tempi per i vaccini.

QUI TUTTE LE INFORMAZIONI:
IL PROGRAMMA
I sessione: ore 10 -13 “COVID-19, tra scienza e democrazia”Presiede: Michele DE LUCAIntroduce i lavori: Filomena GALLO
Relazioni di:
Fabrizio PREGLIASCO, virologo, Università degli Studi di Milano
Mario RICCIO, dalla “frontiera” di un reparto di rianimazione
Marilisa D’AMICO: Profili costituzionali dello stato di emergenza
Enrico BUCCI: “La diffusione del virus”
Guido RASI*, Direttore esecutivo Agenzia Europea dei Medicinali
Fabrizio STARACE, “Salute mentale e coronavirus”
Pier Virgilio DASTOLI: “Le riforme per rendere adeguata l’UE alla prossima crisi”
II sessione ore 15.30 – 18.30 “Il diritto umano alla scienza”
Introduce i lavori: Marco CAPPATO
Relazioni di:
Marco PERDUCA: “Dal Congresso di Addis Abeba una rivoluzione per i diritti umani
Ludovica POLI: Epidemie, misure limitative delle libertà e doveri dell’individuo
Federico BINDA: “La condivisione della conoscenza per arginare le pandemie”
Irene PELLIZZONE: Dovere solidarietà e limitazione dei diritti: quale bilanciamento “
Delia RIBAS: Pandemia e diritto alla conoscenza a livello internazionale (Costa Rica)
Hanno già confermato la partecipazione: Fabrizio PREGLIASCO, virologo dell’Università degli Studi di Milano, Michele DE LUCA, Marilisa D’AMICO, Maria Teresa AGATI, Johannes AGTERBERG, Rocco BERARDO, Federico BINDA, Maurizio BOLOGNETTI, Enrico BUCCI, Angelo CALANDRINI, Marco CAPPATO, On. Fabio Massimo CASTALDO, Massimo CLARA, Gilberto CORBELLINI, Tonina CORDEDDA, Virgilio DASTOLI, Josè DE FALCO, Sabrina DI GIULIO, Giuseppe DI BELLA, On.Alessandro FUSACCHIA, Marco GENTILI, Giuliano GRIGNASCHI, Antonio LALLI, Sara MARTELLI, Carlo MELZI D’ERIL, Luigi MONTEVECCHI, Irene PELLIZZONE, Marco PERDUCA, Ludovica POLI, Guido RASI*, Francesca RE, Delia RIBAS, Mario RICCIO, On. Daniela RONDINELLI, On. Doriana SARLI, Romano SCOZZAFAVA, Giulia SIMI, Michele USUELLI, Giulio VIGEVANI, Mina WELBY (in corso di aggiornamento)

Lascia un commento