CORONAVIRUS, RIFLESSIONI E L’APPELO

In questi giorni difficili iniziati nella città di Wuhan con il covid-19, si porge le domande dov’è nato?. Ebbene, mi sembra che esistano molte teorie ma ancora nessuna conferma, per ora credo che la priorità sia invece trovare il vaccino oppure le medicine per contrastarlo, chissà più in là potremmo dedicare il tempo per dare risposta alle domande che si porge sul covid-19. Intanto, io resto a casa e vi chiedo di restare anche voi a casa per il bene del Paese e delle persone più care a ognuno di noi, in questo momento non servono le polemiche, serve l’unità per uscire da questa situazione non soltanto non serve la polemica a livello nazionale ma anche a livello globale non credo sia il momento delle polemiche a livello globale, dobbiamo avere fede e pregare a Dio e che Dio benedica l’Italia e tutto il Pianeta Terra.

Tra le ipotesi della nascita del covid-19 si potrebbe forse senza affermare né negare che a quanto sembra potrebbe essere nato da un serpente, oppure, come a quanto sembrerebbe come un biologo ed ex ufficiale dell’intelligence israeliana a quanto sembra mi ha fatto capire che, qualche paese starebbe portando avanti un programma segreto di sviluppo di armi chimiche, oppure, l’ipotesi del sangue del pipistrello, ma sono sempre ipotesi che ad ogni modo è, e sarà importante capire e cercare di capire dove, come e quando è nata il coronavirus, ma a sua volta la priorità è trovare le medicine per contrastarla.

In questi giorni a quanto mi sembra esistono accusazioni tra Cina, Russia e gli Stati Uniti d’America, tra limitazioni dei rispettivi giornalisti tra tante altre cose, io mi porgo soltanto una domanda, come mai la Russia a quanto mi sembra il covid-19 lo tiene sotto controllo? cioè pochi casi e lo stesso a quanto mi sembra per tutti i paesi dell’ex Urss? sono domande che mi porgo, ma sono convinto, che non è il momento delle divisioni nel mondo, occorre assolutamente trovare una medicina per ripristinare il covid-19, non è il momento della divisione è il momento dell’unità globale, e proprio su questo argomento, voglio ringraziare la Cina e i paesi che stanno aiutando l’OMS e l’Italia.

Ci sono però anche buone notizie, a livello ambientale, a quanto mi risulta ha aiutato a ripulire l’aria, proprio il satellite dell’Esa (Copernicus-Sentinel 5P), a quanto sembra ha potuto osservare come ha ridotto l’inquinamento atmosferico in Italia ed a livello globale, il quale in futuro e sempre pensando al futuro, una volta che tutto andrà bene, forse potremmo a livello multilaterale, concordare per ripetere codesta azione una volta una tantum per aiutare a ripulire l’aria e il medio ambiente del pianeta terra.

Infine, faccio l’appello a seguire le indicazioni delle autorità nazionali e soprattutto di evitare al minimo gli spostamenti.

Alberto Calle – Redattore di Politicamente Corretto

Lascia un commento