Barbuto e Corrado (Parlamentari M5S Crotone) – Abramo Customer Care ha risposto alle nostre richieste in merito alla sicurezza nei luoghi di lavoro per il Coronavirus

L’Abramo Customer Care Spa ha risposto alle parlamentari crotonesi Barbuto e Corrado che nei giorni scorsi avevano scritto al responsabile della sicurezza dell’azienda nonché al Prefetto ed al Commissario Prefettizio di Crotone, riferendo della preoccupazione loro esternata da alcuni dipendenti che segnalavano sul posto di lavoro la mancanza di adeguate misure di prevenzione da eventuale contagio da COVID 19. Barbuto e Corrado avevano chiesto all’azienda di valutare una eventuale sospensione delle attività, analogamente a quanto accaduto in altre zone della Calabria, nonché di ottenere ogni rassicurazione in merito all’adozione delle prescritte e necessarie misure di sicurezza ed, in particolare, di considerare l’attuazione del massimo utilizzo di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza come sembra, per l’appunto, essere facilmente attuabile per una attività di call center.
Ne danno notizia le stesse parlamentari le quali riferiscono che la Abramo ha preliminarmente evidenziato che l’attività svolta presso la sede DATEL di Crotone è da considerarsi di pubblico interesse e prima necessità al fine di garantire l’efficienza e la continuità del servizio di telecomunicazioni nonché la disponibilità di elettricità e gas per i cittadini italiani e, pertanto, maggiormente indispensabile in periodi di emergenza come quello attuale. La società , inoltre, ha precisato di avere adottato tutte le misure di prevenzione del contagio, non esclusa la sanificazione degli ambienti di lavoro, in ossequio al dettato normativo, misure che sono state constatate anche in occasione dell’intervento del 13.03.2020 da parte dei Carbinieri di Cosenza – Nucleo NAS, sottolineando, altresì, la propria determinazione a voler continuare a coniugare, in piena sicurezza il diritto al lavoro con il diritto alla salute anche mediante l’avvio di modalità di lavoro smart.
«Prendiamo atto di quanto riferito dalla Abramo Customer Care – hanno dichiarato Elisabetta Barbuto e Margherita Corrado – e ci auguriamo, in particolare, che si concludano celermente le attività informatiche che la società ha dichiarato di stare espletando per consentire a tutto il personale dipendente di poter lavorare in modalità smart ed in totale sicurezza. Crediamo, infatti, che attuando tale tipologia di lavoro si possa giungere concretamente a coniugare il diritto al lavoro con il diritto alla salute come giustamente rilevato dalla stessa società. Allo stato, infatti, nessuno è in grado di prevedere quali saranno gli sviluppi della situazione né quanto si protrarrà l’emergenza nel nostro paese per cui appare giusto operare, sempre con maggiore efficienza, nel campo della prevenzione. Gli strumenti ci sono e la salute non si può barattare né immolare su nessun altare».

Barbuto e Corrado (Parlamentari M5S Crotone)

Lascia un commento