ACQUISTO FARMACI ALL’ESTERO — GARDINI PRESIDENTE EPAC: MOLTI DUBBI SULLA CIRCOLARE. QUESTA DIRETTIVA NON TROVA APPLICAZIONE PER I PAZIENTI CON EPATITE C

In merito al via libera all’acquisto dei farmaci all’esterouna settimana fa abbiamo fatto una conferenza stampa in Aifa in cui il Direttore Generale (dell’Agenzia del Farmaco n.d.r.) ha dichiarato che saranno rimosse tutte le limitazioni di accesso” ma “la circolare” che permette l’importazione di farmaci dall’estero “verte sulla mancanza di una valida alternativa terapeutica” quindi “se noi rimuoviamo tutte le barriere di accesso, questa circolare non dovrebbe trovare applicazione”, mancherebbero infatti presupposti per cui un medico possa compilare i moduli per l’importazione. Questo è il primo dubbio che solleva Ivan Gardini, presidente di EpaC intervenendo a Cuore e Denari su Radio 24 in merito alla circolare del ministero e aggiunge: “Poi ci sono diversi altri dubbi. Per esempio, anche il medico di famiglia può fare la prescrizione? perché lì si parla di medico curante..”

Il presidente di EpaC sottolinea che chiederanno spiegazioni ad AIFA ma che al momento stando alle dichiarazioni del Direttore dell’Agenzia del Farmaco “questa direttiva non trova applicazione per i pazienti con epatite C” e aggiunge a Radio 24: “sarebbe come dire: ‘se io mi compro il farmaco all’estero vengo curato prima’ Ma che senso ha questa cosa? ”.

Lascia un commento