Assisi

Su un promontorio, ai piedi del Monte Subasio, sorge Assisi, la città di San Francesco, visitata ogni anno da milioni di turisti e di pellegrini. La città umbra, che con la sua basilica è tra le principali mete religiose italiane e mondiali, ha fatto registrare, nel 2014, 7 milioni di presenze.

“Assisi rappresenta un esempio unico di continuità di una città-santuario all’interno della sua posizione ambientale…” Questo, ed altri criteri, hanno spinto l’Unesco, nell’anno 2000, ad inserire la città nell’elenco dei beni patrimonio mondiale dell’Umanità.

Il suo simbolo è rappresentato dalla Basilica di San Francesco, composta da due basiliche sovrapposte e indipendenti. E’ un capolavoro dell’arte e della sacralità italiana. Al suo interno custodisce le spoglie di San Francesco d’Assisi, patrono d’Italia che viene festeggiato il 4 ottobre.

La basilica superiore ha un aspetto gotico ed è luminosa e soprattutto è famosa per gli affreschi di Giotto e della sua scuola che in 28 riquadri raffigurano la vita di S. Francesco; la basilica inferiore più bassa e austera è decorata con opere di Giotto, Cimabue, Simone Martini e Pietro Lorenzetti.

Il centro di Assisi è rappresentato dalla Piazza del Comune sulla quale si affaccia il Tempio di Minerva, ex tribunale che ospitava le celle carcerarie, ed è incorniciata dai palazzi più importanti della città come il Palazzo dei Priori.

Altro importante simbolo di Assisi è la Basilica di Santa Chiara che conserva le spoglie della Santa e il crocifisso che parlò a San Francesco.

Il Duomo, invece, conserva il fonte battesimale dove vennero battezzati, secondo la leggenda, San Francesco, Santa Chiara e Federico II di Svevia.

Poco fuori dalla città si possono visitare l’Eremo delle Carceri, immerso in un bosco e Santa Maria degli Angeli con la omonima Basilica che contiene, al suo interno, la Cappella della Porziuncola o delle Rose dove si ritrovavano i francescani e dove il Poverello (Francesco) dimorava e pregava. Mentre all’esterno della basilica si trova il famoso Roseto tra le cui spine una notte Francesco si rotolò per vincere la tentazione.

Per godere di un bel panorama occorre arrivare fino alla Rocca di Assisi, l’unico castello della città medievale, fortificata con mura di cinta, alla quale si poteva accedere attraverso otto porte.

Tra gli eventi organizzati ad Assisi la festa popolare che annuncia l’arrivo della primavera, chiamata Calendimaggio e soprattutto la marcia della pace che si svolge ogni anno tra fine settembre e inizio ottobre.

Nel 1997, il terremoto dell’Umbria e delle Marche provocò danni alle case e alle persone ma anche agli affreschi e alle volte della Basilica Superiore di San Francesco in Assisi oggi tornati al loro splendore.

Lascia un commento