IL VOTO DALL’ ESTERO E’ INDIFENDIBILE, MEGLIO IL VOTO EQUIPARATO

Oramai votare o non votare dall’ estero e’ diventata una semplice “formalita’” , per decennia non abbiamo contato un c…e andando avanti con questa farsa, non potra’ che non cambiare nulla, al di la di chi verra’ eletto. Vivo all’ estero da decenni ( e non so sino a quando) e credetemi sia con i “fantomaci” Comites e Cgie non constato nessun cambiamento pragmatic, vuoi politicamente vuoi associativamente. Basti pensare che i nostri 18 paladini (parlamentari eletti all’ estero) in 7 anni di legislaura, non sono stato in grado di cambiare minimamente la Legge 459.2001. La ragioni cardine e’ quella della incompattezza. Io ne so qualcosa perche’ dalla estero sono l’ unico cittadino italiano che al riguardo ha presentato ( o meglio ha riciesto) al parlamento italiano dei provvedimenti ( 4 esattamente) per una piccolo modifica vuoi dei Comitati (Comites e Cgie) e le modalita’ di voto e sono uno dei pochi informato sui fatti. Adesso e’ ora di pensare pragmaticamente al “cosidetto” voto equiparato”, come Costituzione comanda. Io, come cittadino italiano DOC, mi auspico che anche uno dei prossimi eletti all’ estero sposi, questo sacrosanto diritto. Vedete anche se questo principio universale ( o per decenni doveva essere per i nostri legislatori) sul diritto paritario agli stessi diritti.doveri sanciti dall Titolo III. Rapporti economici, esattamente al quarto comma dell’ articolo 35 della nostra Costituzione:” La repubblia riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell'interesse generale, e tutela il lavoro italiano all'estero.”, non sono mai stati effettivi, be’, e’ ora che noi italiani all’ estero..alziamo un po’ la voce Io, (e non solo) ho sempre pensato che 4 milioni di italiani, chiusi in riserve o limirati nel esprimere il voto, valgono di meno di un milione che vota a tutte le tornate elettorali. Quindi al di la ( e mi ripeto) di chi vincera’ le prossime elezioni all’ estero, e’ ora del voto equiparato, al di la delle modalita’ di voto, elettronico, ai seggi, via posta o via piccione; i cosidetti brogli non sono un nostro problema

Carmine Gonnella
Progetto Pie ( INSIEME con tutti gli italiani di buona volonta' e di idee rinnovative)
Londra

Lascia un commento