LAZIO – SBARDELLA (UDC): PARTITO IN PREDA A CRISI DI NERVI

Roma – 19/11 – È' vero che la confusione regna sovrana, ma se anche i dirigenti del partito regionale sembrano in preda a crisi di nervi siamo rovinati.
Probabilmente si cercava il pretesto, ma le dichiarazioni di ieri di alcuni esponenti di spicco del nostro partito sono sembrate surreali, e sinceramente spropositate, forse adeguate solamente alla comprensibile ambizione di compiacere i superiori. – lo scrive in una nota il consigliere regionale dell'Udc del Lazio, Pietro Sbardella. –

Io penso che si sia trattato di un madornale equivoco, avallato da compiacenti organi di stampa, dove le persone deputate a fare i pompieri si sono trasformate in pericolosi incendiari.

Ovviamente sulla linea politica c'é qualche sfumatura da chiarire, ma siamo tutti abbastanza bravini ad interpretare la linea politica dei vertici nazionali, senza che si senta il bisogno dell'interpretazione dei primi della classe, soprattutto se i primi della classe non hanno mai avuto il piacere di candidarsi sotto le insegne del partito, al quale alcuni di noi hanno reso servizio elettorale in piú di qualche occasione.
Ma, volendo andare fuori metafora e fuori dagli equivoci che diventano pretesti polemici, cosa vuol dire ricostruire l'area dei moderati ?

Alcuni di noi pensano che oggi voglia dire, semplificando, aggregare le forze che sono a favore della prosecuzione del l'agenda Monti anche nella prossima legislatura, se non addirittura una proposizione di un Monti bis.
Rispetto a questo, non parrebbe disdicevole farsi vedere insieme a chi condivide questa, forse un pó eccessiva, semplificazione e che magari contribuisce a costruire le regole elettorali perché questa opzione diventi percorribile.

Nessuno di noi si vuole sottrarre dal chiarire le sfumature, ma evitiamo che il chiarimento sia fatto a colpi di anatemi. L'UDC é sopravvissuto ad anatemi lanciati dall'esterno, evitiamo che, per la leggerezza di qualcuno, abbia a soffrire troppo per anatemi lanciati dall'interno.

Lascia un commento