Napoleone il comunicatore

15 agosto 1769 – 15 agosto 2012: a quasi duecentocinquant’anni dallasua nascita Napoleone continua ad essere uno dei personaggi piùcontroversi e seguiti della storia. Lo dimostra anche il successo del “Napoleone il comunicatore” di Roberto Race “Napoleone il comunicatore. Passare alla storia non solo con le armi”di Roberto Race uscito a fine giugno è già un successo editoriale perEgea, la casa editrice dell’Università Bocconi. Race racconta Napoleone come guru della comunicazione, come l’uomo cheha inventato l’opinione pubblica, il merchandising e promosso la suaimmagine con modalità moderne. Il libro sarà presentato martedì 21 agosto a Capri al Centro Cerio,luogo simbolo della cultura nell’Isola Azzurra 15 agosto 1769 – 15 agosto 2012: a quasi duecento cinquant’anni dallasua nascita Napoleone Bonaparte continua ad essere uno dei personaggipiù controversi e seguiti della storia. A dimostrazione di ciò il successo che sta riscuotendo nelle librerie italiane “Napoleone il comunicatore. Passare alla storia e non solo con learmi” del giornalista e consulente in comunicazione e public affairsRoberto Race. Il volume, edito da Egea, la casa editrice dell’Università Bocconi,sarà presentato a Capri martedì 21 agosto alle 19 nella salaconferenze del Centro Ignazio Cerio (Piazzetta Cerio 5), il luogosimbolo della cultura nell’Isola Azzurra che si affaccia sulla“mitica” Piazzetta. L’incontro, organizzato dall’Associazione Antemussa presieduta daAnnamaria Boniello, sarà coordinato dal consulente di comunicazioneSalvatore Toriello.A discutere di “Napoleone il comunicatore” con l'autore saranno ilgiornalista e già direttore del centro Rai alla Presidenza dellaRepubblica Giovanni Garofalo , il professore di Filosofia dellacomunicazione all'Università La Sapienza Gian Piero Jacobelli ed ilChairman e Ceo di Italian Business & Investment Initiative New YorkFernando Napolitano. Il libro (Egea 2012, 144 pagg. 16 euro) C’è un filo rosso che attraversa tutta l’epopea di Napoleone. Dallaspedizione italiana alla missione in Egitto, fino ai trionfi di Ulm oAusterlitz, alle successive disfatte e al doppio esilio. È la suastraordinaria, modernissima, visionaria, profetica capacità dicomunicare. Ma in che modo e con quali risultati? Roberto Race esplorae propone una “riflessione di natura storica fortemente legata alpresente che permette di focalizzare l’attenzione sull’agirecomunicativo consapevole e finalistico degli attori politici, sull’usoconsapevole della comunicazione”, come afferma Mario Rodriguez nellapostfazione. Napoleone ha inventato l’opinione pubblica così come siamo abituati aintenderla oggi. Ha utilizzato per la prima volta il merchandising, hasaputo promuovere la sua immagine mentre guidava la Grande Armée allaconquista di mezza Europa. “Sin dalle prime battute” afferma Luigi Mascilli Migliorini nella suaprefazione, “la capacità di comunicare di Napoleone era apparsa virtùistintiva di un ventisettenne generale che annunciava in sé,visibilmente, le incertezze di un eroe di Stendhal e le arroganze diun personaggio di Balzac”. Nel volume Race spiega modalità ed eventi che segnano l’ennesimoprimato del generale Bonaparte, meno conosciuto dei tanti conquistatinelle battaglie condotte per mezza Europa. Per lui comunicare non èsolo un mezzo che usato al meglio “consente di anticipare le mossedell’avversario e sbaragliarne gli schieramenti”, ma anche “unostrumento di rappresentazione, con il quale si inscena un summit comesi commissiona un quadro”. In ogni caso, avverte l’autore, Napoleoneha potuto vincere anche da grande comunicatore “perché quella cheraccontava non era una favola qualsiasi”. Alla prova dei fatti,“qualsiasi campagna di marketing, senza contenuti adeguati, non reggealla distanza, tanto più al peso della storia”. “E’ un libro utile sia a chi intenda approfondire le radici delletecniche moderne di comunicazione, sia a chi voglia entrare incontatto con una dimensione ancora non completamente esplorata di unadelle figure più originali della storia moderna”, conclude Race. L’autoreRoberto Race, giornalista e consulente in comunicazione e publicaffairs, ha lanciato in Italia la figura del direttore relazioniesterne e comunicazione “in affitto” e lavora oggi come temporarymanager per alcune delle più dinamiche e innovative aziende italiane.Fa parte dell’Aspen Institute Italia come Aspen Junior Fellow, di RENARete per l’eccellenza nazionale, della Ferpi, de Il Chiostro e delconsiglio direttivo di INWARD Osservatorio Internazionale sullaCreatività Urbana. È segretario generale della Fondazione Valenzi,l'istituzione internazionale attiva nella cultura e nel socialededicata all'ex sindaco di Napoli. Per ulteriori informazioni Associazione Culturale Antemussa – L’isola della Conoscenza 0818375449

La scheda del libro è a questo link: http://www.egeaonline.it/editore/catalogo/napoleone-il-comunicatore.aspx

Lascia un commento