SCHIRRU (PD) Indennizzi per danni da emoderivati e decreto "svuotacarceri"

Roma 16 Marzo 2012

“Abbiamo recentemente appreso dalla stampa che parte dei fondi destinati all’indennizzo dei danneggiati da trasfusioni e emoderivati, molti talassemici, emofilici o vittime di vaccinazioni, sarebbero stati impiegati per il finanziamento del Provvedimento «svuota carceri». Per la precisione si parla di 24 milioni di euro indirizzati alla copertura della spesa per la chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari.

Come ulteriore aggravio, sono trascorsi ormai oltre 4 anni senza che il Ministro della salute abbia ottemperato al risarcimento previsto per gli emo-danneggiati, dettato da precise norme di legge con risorse accantonate in un apposito fondo.

Per questo ho interrogato il Ministro della Salute, per capire se le notizie riportate abbiano fondamento e soprattutto per conoscere quali iniziative intenda assumere per ripristinare immediatamente il pagamento degli indennizzi agli interessati, nonché per accelerare il disbrigo delle pratiche e sanare i ritardi accumulati. In Italia infatti, i danneggiati da sangue infetto sono oggi oltre 70.000, quasi 3.000 sono le persone decedute e 7.356 sono le persone che ancora attendono di essere risarcite.

Infine, credo sia opportuno che il Ministero promuova al più presto una revisione dei termini previsti dalla legge per gli indennizzi, tutelando anche chi, non conoscendo i propri diritti per mancanza di informazione o per impossibilità a farlo, abbia presentato la domanda oltre i termini stabiliti.”

On.le Amalia Schirru

Lascia un commento