Difendere Pomigliano, difendere l’Italia

di Maurizio Zipponi

L’iniziativa organizzata dall’Italia dei Valori oggi 11 maggio a Napoli assume un significato nazionale. Quanto sta accadendo nel capoluogo campano suona infatti come un monito di carattere più che locale. Su Napoli si concentrano processi di de-industrializzazione e di crisi dell’apparato produttivo nei punti di alta qualità, come ad esempio la società Atitech (elevata professionalità nel campo della aeronautica) oppure lo stabilimento di Fincantieri a Castellamare di Stabbia. In questo quadro di terremoto produttivo, che genera uno stato di preoccupazione comprensibile tra lavoratori e lavoratrici, domina la vicenda dell’Alfa Romeo di Pomigliano d’Arco.

Quando l’Italia dei Valori sollevava l’allarme sul rischio chiusura di importanti siti industriali nazionali, il governo non prestava orecchie a questa richiesta di attenzione. Oggi che lo stesso allarme è stato lanciato dai sindacati tedeschi -che nel caso di alleanza fra Fiat e Opel ventilano il pericolo di una chiusura dello stabilimento campano e di quello siciliano di Termini Imerese- ecco che il governo decide finalmente di rispondere. In modo inadeguato, però. Il ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola in merito al tema ha pronunciato parole quanto mai generiche e inutili, affermando la volontà di voler difendere la centralità degli stabilimenti italiani. La domanda, anzi le domande che si pongono sono allora: stabilimenti centrali per produrre cosa? Con quanti occupati? Con quali investimenti?

Napoli rappresenta il pericolo vero di quello che può accadere a macchia d’olio nell’intero Mezzogiorno di Italia, cioè un ulteriore e grave allontanamento dalla versione migliore dell’industria europea, con derive verso economie non certo legali, conseguenza della distruzione dei siti di punta dell’industria nazionale.

L’iniziativa dei lavoratori napoletani e le denunce che stiamo avanzando verso un governo impotente e imbelle, che non attua nessuna misura paragonabile a quelle decise negli Usa, in Francia o in Germania per difendere gli interessi nazionali, vanno dunque sostenute.

Per queste ragioni ci incontreremo al Teatro Piccolo di Fuorigrotta, a Napoli, nel pomeriggio del 11 maggio. Un luogo simbolo per il mondo del lavoro, soprattutto per i ferrovieri. Un’occasione per ribadire che la lotta alla criminalità, la lotta per la legalità, l’applicazione e la difesa della Costituzione italiana passano attraverso la riaffermazione del diritto al lavoro per tutti in tutta Italia. Per questo Luigi de Magistris ed io, insieme ai rappresentanti delle organizzazioni sindacali della Fiom, del Slc e della Filcams, incontreremo i lavoratori e le lavoratrici e la cittadinanza. Difendere Pomigliano d’Arco significa difendere l’occupazione e la legalità del Mezzogiorno, o meglio dell’intero Paese.

Lascia un commento