Italiani all’estero: Elezioni Parlamento Europeo, i conti fatti senza l´oste

Molti sono i cittadini di uno Stato. E´piu sono i seggi al Parlamento Europeo. Il Belgio si é gia espresso: Niente votazioni al di fuori dei Consolati. La Germania come al solito manderá le buste ai residenti Europei per i propri candidati. Nella speranza che qualche italiano li voterá. Ovviamente qualcuno ci sará di certo.I cittadini italiani in Belgio, anche se avessero la voglia di andare a votare, gli passerá subito solo con l´idea di fare , in alcuni casi ,oltre 100 Km. lo scopo del Governo Belga é proprio questo. Fare votare i suoi candidati mentre in Germania , come é successo nelle ultime elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo. Manderá l´avviso per le votazioni con i nomi dei prorpi candidati. Meno male che gli italiani con la doppia cittadinanza non sono in molti. Altrimenti si dovrebbe aggiungere qualche altra dozzina di poltrone al Parlamento Europeo o starebbero un po` stretti. Il PD si é gia organizzato con i propri affiliati e luogotenenti. I voti che non prenderanno in Svizzera , da qualche parte debbono recuperarli.Per motivi di simpatia hanno scelto la Germania e il Belgio. Lo hanno anche annunciato che: alle Europee vinceremo noi. Nel PdL sono ancora impegnati a discutere chi sará degradato a Ten.-colonnello e chi resterá colonnello.Mentre il presidente Tremaglia con i suoi riservisti, preferisce rimanere alleato della grande armata. Dopo i risultati, ci penserá il presidente Berlusconi, a darci un altra bella ramazzata a noi italiani all´estero.Tanto la colpa e´sempre la nostra.

Colonia

Lascia un commento