P.I.E.: (19) e` il primo e unico partito italiano “G.Local – System”

Giappone (Asia)

“G.Local” = Global + Local  le “Innovazioni Internazionali” del P.I.E. generate all`Estero sono proiettate nel territorio italiano, a livello locale.

All`estero, all`interno dei partiti politici italiani(CPI) –made in Roma –, sia la meritocrazia, la trasparenza e la democrazia sono totalmente inesistenti. In questi “club” dei partiti, conta solo “oltre alla forza e potere economico” dell`individuo e del gruppo, soprattutto “lo status dei leccamenti”. Queste sono le uniche “virtu” rispettate da “chi” dovra`essere prefabbricato per l`estero, da parte dei gestori dei palazzi romani della politica.
Tra l`altro, si e` constatato che “la base” dei sostenitori dei partiti italiani all`estero,non viene ne` sostenuta e ne responsabilizzata dai “dirigenti” dei partiti all`estero (e soprattutto da Roma); e, non vengono applicati i principi della meritocrazia, perche` “la base” medesima viene ignorata nei momenti decisionali. I dirigenti di Roma decidono sempre, secondo i loro interessi personali, per tutti gli italiani all`estero. I parlamentari eletti all`estero percio`sono essenzialmente dei burattini, quindi nella realta`, noi cittadini all`estero, non siamo “realmente” rappresentati da nessuno !
Infatti, all`estero, persino il parlamentare ( …ormai, nella stessa linea dei parlamentari eletti in Italia) non si sente neppure, nel quotidiano, affatto obbligato di dare alcuna spiegazione delle sue attivita` concrete, a coloro che lo hanno eletto/a e lo hanno portato/a in Parlamento.
Noi, del P.I.E., al contrario, siamo convinti che ogni cittadino italiano puo`, deve poter dire sempre la sua opinione, e deve essere sempre ascoltato dalla leadership partitica, e deve poter sempre decidere.
I nostri esperti e specialisti del P.I.E. sono cittadini italiani residenti all`estero in tutti i cinque continenti, e con loro e per mezzo loro le “Innovazioni” del P.I.E. –per la rinascita dell`Italia –vengono ben studiate, analizzate,preparate e sviluppate. Le “Innovazioni” del P.I.E. nascono non a caso all`estero (e, percio` non in Italia). Le problematiche dell`Italia, che esistono in tutti i territori del Paese, vengono percio` preparate (analisi dei bisogni) da tutti i nostri rappresentanti del P.I.E. in Italia; i quali trasmettono tutte le documentazioni ai nostri specialisti del P.I.E. all`Estero, per realizzare le “Innovazioni” proposte per quella specifica problematica. Perco` l`anima del P.I.E. e` all`estero. Il cuore del P.I.E. e` all`estero. Mentre il polmone, le vene e le arterie del P.I.E. sono presenti in tutti e cinque i continenti.

L`iscritto al P.I.E. e` un “solution-maker”, cioe` quando vede un problema nella societa`, cerca subito di risolverlo (analisi dei bisogni + totale strategiche soluzioni–>Soluzioni ideali = “Innovazione”): senza preoccuparsi delle ideologie politiche, ne`di destra e ne`di sinistra; percio` “G.Local” = Global + Local sono le “Innovazioni Internazionali” del P.I.E. generate all`Estero e proiettate nel territorio locale italiano.
Ma se si chiede agli italiani all`estero, che cosa non vorrebbero dai politici italiani, molti di loro rispondono che poiche` erano stati sempre umiliati in Italia, traditi e offesi dai governanti italiani, per mezzo dei quali sono persino oggi, costretti a vergognarsi –di essere cittadini italiani –per la pessima e schiffosa immagine che i governanti italiani trasmettono al mondo intero ( per come gestiscono il nostro Bel Paese ). Per tale motivo la bandiera italiani da molti italiani all`estero e` stata purtroppo non casualmente fin troppo calpestata, sputata e persino distrutta. Il P.I.E. vuole percio`ridare “dignita` umana” a tutti gli emigrati italiani e “dignita politica” alla bandiera italiana.

Il P.I.E. sta lavorando seriamente per mettersi a disposizione di tutti gli italiani della terra. Percio` tutti gli italiani sono invitati ad aggrapparsi a questa “grande opportunita`” del P.I.E., che non capita spesso nella storia di ciascuno di noi e nella storia di tutti i paesi.

Queste argomentazioni non vogliono assolutamente ingannare nessuno, ma vogliono solo dimostrare, affermare e confermare con la nostra massima onesta` e trasparenza di fede e certezza che per tutti gli italiani della terra non c`e` altra soluzione –per i problemi dell`Italia e degli italiani all`estero—fuori dal P.I.E.. Noi vogliamo dire, con le buone e con le cattive maniere, “basta” alla mancanza di onesta`, di rigore e di senso comune sociale da parte di questi disgraziati e mascalzoni dei parlamentari italiani, dei quali dobbiamo cercare di liberarcene quanto prima.
Il P.I.E. — per riformare il Sistema del Bel Paese –parte percio` da una proposta imbattibile sul piano della popolarita’, dato che inizia dagli “intellettuali” –dalla “intellighenzia”– che si schierano dalla parte della gente (e non dalla parte dei poteri forti) per riformare la societa` e la politica italiana. Non vuole assomigliare a nessuno dei partiti esistenti. Il P.I.E. riconosce che ognuno di questi, almeno nelle parole, ha qualcosa di buono, ma dato che è all'interno del “sistema corrotto italico”, non gradisce neanche lontanamente rischiare di assomigliarvi.
Gli italiani all’estero si attendono dal Parlamento Nazionale il rispetto e l`applicazione dell’”etica” nella politica che risponda puntualmente alle “promesse fatte” all’elettorato; e, a un genere di rappresentanza che assuma le dimensioni “di servizio”, che e` dovuto alla collettività e che non sia soggiogato dalla strumentalizzazione del voto per fini di interessi partitici. Il valore del voto estero dovrebbe significare solo ed esclusivamente “rispetto e lavoro da compiere” per le nostre comunità. La capacità di una società di confrontarsi serenamente con tutte le sue componenti testimonia anche il suo grado di civiltà: gli iscritti del P.I.E. vogliono essere “indicatori preziosi” di garanzia di politiche realistiche e costruttive, per ogni soggetto e per la collettività.
Questa “intellighenzia italiana all`estero” e` una “network” di italiani che si sono imposti all`estero nelle varie professioni, nell’ imprenditoria, nell’ insegnamento, nella ricerca e nell’arte, e che costituiscono una risorsa straordinaria e immensa per l’ economia, la cultura e il prestigio del Bel Paese nel mondo.
L`Italia non puo` continuare a sopportare le conseguenze delle incapacità sociali; e considerarsi, nonostante ciò, una società ed una civiltà europea. A nostro parere, si potrà arrivare a gestire il Bel Paese a divenire una vera democrazia, solo “insegnando”, “educando” e “formando” il Cittadino –fuori e ben lontani dal pseudo sistema dei partiti politici italiani, che rappresentano “il tumore” della societa` italiana–. I rappresentanti della politica attuale sono “la rogna” dell` Italia.
Il P.I.E. ha per vocazione “la formazione del Cittadino”. Il Cittadino e` al centro di tutte le nostre attivita` sociali, culturali e politiche.
Il P.I.E. e` un partito e non un movimento o una associazione –e percio` potra` al presente influenzare le Istituzioni –. In effetti il voto per gli italiani all`estero con annessa la Circoscrizione Estera e` stata una “trovata” della CPI per crearsi centri di potere gestibili al di fuori del marasma politico italiano. Vista percio`l`assoluta impotenza dei parlamentari eletti all`estero in questi 2 anni; oggi la gente all`estero ha chiesto “il Partito” (il P.I.E.). La disonesta` intellettuale e politica di questi “parlamentari eletti all`estero” e` gravissima, perche` una volta che anche “Loro” hanno preso atto della loro inutilita`–invece di dimettersi, per protesta—hanno sempre cercato di occultarla con centinaia di miseri comunicati senza alcun senso politico –con l`intento di ingannare, anche loro, tutti i Cittadini Italiani all`Estero–.
La nostra non e` antipolitica, ma e` vera politica perche` e` concretezza politica. I parlamentari da eleggere all`estero non possono essere piu` “procreati” dalle ben note “segreterie politiche italiane”(che sono l`emblema evidente della mala-politica), ma devono provenire dalla “base” degli italiani (incontaminati dalla “casta politica”) che sono la forza degli italiani all`estero. Il P.I.E. ha, sia alla base che ai vertici dell`organizzazione, severissimi elementi di controllo, in modo da esercitare “le regole di trasparenza” e di poter sviluppare e instaurare anche nel mondo italico “ le regole della meritocrazia” (..finalmente, e sarebbe ora!).
Che cosa contano di piu` le parole o i fatti ? I veri parlamentari sono coloro che realizzano con i fatti, “il bene comune” per i propri elettori. Questi parlamentari eletti all`estero –e quelli in Italia — sono bravi solo a rendere i cittadini allo stato di “conigli” e di “miserabili”;e, questi individui sanno bene come spendere infinita` di parole per dare l`impresssione di essere in favore dei cittadini, e sono molto astuti a contorcere la nostra percezione della realta`( con i loro trucchetti, e le loro ambiguita`).
Il P.I.E. nasce dal basso –dai cittadini –, non difende interessi precostituiti, non ha legami privileggiati con nessuno, non intende sfruttare i bisogni degli italiani all'estero per mandare gli amici in Parlamento; noi siamo il partito dell`”innovazione”, e per la “trasparenza” assoluta.
Siamo un partito molto pragmatico, partito che non è ideologizzato, partito che cerca innanzitutto sempre di capire molto bene le vere esigenze degli italiani all'estero per poi elaborare, alcuni obiettivi ben precisi (“The Real Need” ).
Il P.I.E. si distingue dalla vecchia politica retriva e ammuffita dagli interessi, già per come nasce senza protettori, senza politici, senza soldi: solo con la forza, l`onesta` e l`italianita` dei “veri” Italiani della terra. Nemmeno un centesimo è stato previsto per iscriversi. Non credo esista, nella storia di questo paese, un esempio del genere. Sarà anche un alibi, la prova provata che tutto è nato solo dall'entusiasmo e da una presa di coscienza definitiva, chiara, trasparente, spontanea. Sarà la prova provata che nessun “furbetto”, nessun doppiogiochista ha trovato mai né troverà mai, ricovero tra le sue fila.
Il P.I.E. e’ un partito che mette al primo posto “il cittadino” sia in Italia che all’ Estero. In decenni abbiamo assistito alla creazione di partiti e partitini nati per l’ occasione, nessuno di questi ha realmente pensato al cittadino ma solo ai propri interessi o quelli del partito di appartenenza. Noi del P.I.E. abbiamo voluto un partito che abbia come principio fondamentale “la tutela del Cittadino”. Non credo esista, nella storia di questo paese, un esempio del genere. Questa e` la storia dei promotori del P.I.E.–che sono i protagonisti del nuovo risorgimento italiano–, la loro avventura da raccontare in seguito alle genti.
Una “buona e sana politica” per gli italiani all`estero, e` possibile percio` solo …fuori dagli apparati delle “segreterie” dei partiti politici italiani (“la casta”); e solo noi del P.I.E.,abbiamo la capacita` e “la trasparente volonta`” di realizzarla, con tutti “gli italiani di buona volonta`” residenti in Italia e all`estero.
Nessuno puo’ dire che non abbiamo la forza per farlo, perche’ potenzialmente potremmo diventare i piu’ forti di tutti, dato che vogliamo rappresentare la gente. Non potremo mai rappresentare tutti, questo e’ ovvio, ma la maggioranza si, dato che i ricchi sono pochi e noi stiamo col ceto medio-basso e con i poveri. Sara’ quello il momento della “politica nuova”, della politica seria, quella che si preoccupa davvero di fare gli interessi dei cittadini onesti e lavoratori.
L' Italia necessita di una “rivoluzione” culturale e politica, cioe` di “regole etiche”. Noi del P.I.E. non ci rifacciamo a codici più o meno definiti o definibili “etici”. Noi abbiamo come riferimento “l' Etica a 360 gradi” senza inserimenti in nessun codice che, in quanto tale, ne limita la portata in maniera molto evidente. Nessun codice dunque, anche perche` quelli esistenti, …ripetono sempre gli stessi stornelli. “L' Etica” è un'altra cosa. Ci pervade ed impone le condotte e comportamenti “trasparenti”.
Ogni rappresentante del P.I.E., sia a livello dirigenziale che al momento della sua candidatura ad una carica elettiva, deve mettere al primo posto gli interessi prevalenti dei cittadini che rappresenta Ecco quindi facilmente spiegato perche’ la democrazia non funziona e non c`e` al presente in Italia. Come potrebbe funzionare una democrazia dove le istituzioni (praticamente quasi tutte) sono occupate da gente che fa prima di tutto gli interessi dei partiti, quando non addirittura i propri personali interessi, prima che l’interesse della gente—se si ricordano–?
Ecco perche’ serviva il P.I.E., che si rivolge a tutti gli italiani che vogliono togliere la guida del paese alla partitocrazia per riconsegnarla “agli intellettuali”, tra i quali oggi gli italiani all’estero sono quelli che possono dare il maggiore e migliore contributo. Occorre naturalmente precisare che per essere “intellettuali” non e’ necessario essere scienziati o plurilaureati, e’ sufficiente avere normale intelligenza, ma bisogna anche avere ferma volonta’ di usarla quando si ragiona di politica e di democrazia, invece di limitarsi a fare il tifo per questo o quel partito o personaggio politico.
Oggi, piu` che mai, noi italiani all`estero, per il bene dell`Italia – perche` il futuro dell`Italia e` per davvero in pericolo -, non dobbiamo assolutamente far pesare le nostre diverse “ideologie”. L`obiettivo urgente e`, crediamo, il recupero “dei valori morali e sociali di base di ciascuno di noi” –, quei “valori” che possono e devono accomunarci, per il “solo” bene della “ricostruzione” dell` Italia, con tutte le esigenze oggettive immediate cui deve rispondere l`Italia al presente ( quella dentro e quella fuori del Bel Paese ) – con una forte ed efficcace organizzazione (in modo trasparente ed educativa) di tutta la societa` Italiana medesima-.
La democrazia dobbiamo riprendercela, non aspettiamo che ce la concedano, perché la crudele e diabolica CPI non ha nessun interesse a farlo. “C`era un vuoto” nella nostra societa` degli italiani all`estero. Il CP (comitato promotore internazionale) del P.I.E. ha avuto il coraggio, la fede e la tenace di perseverare in questo progetto bellissimo. in Italia e nel Mondo, tutti gli italiani da ora iniziano a rivedere la luce della speranza.
I valori del nostro P.I.E. sono quelli di tutto il popolo italiano onesto . E gli italiani della terra lo stanno capendo perche` spinti dall` “innovazione” e della “trasparenza” del nostro Partito ci stanno ormai contattando dai quattri angoli del pianeta.
Sappiamo benissimo che niente e` facile e niente e` difficile e niente e` impossibile, si pensi un po` al prossimo presidente americano Barack Obama, che per portare avanti “il suo” grande progetto ha avuto tanta fede, tanta saggezza, instaurando un dialogo costante e infinito con tutti cittadini, ..e con tanta perseveranza…..
Anche il nostro e` un processo politico che va controcorrente (assolutamente necessario per cambiare l`Italia), percio` noi dovremo costantemente dialogare con titti i cittadini italiani della terra, dimostrare con l`esempio e le nostre testimonianze e con la massima trasparenza, i veri principi della democrazia e … applicarli.
Creare ed avere tante associazioni ed organizzazioni diverse per il mondo, non farebbe altro che alimentare la CPI, quindi far crescere e sviluppare ulteriormente la mafia e la camorra in mezzo a tutti gli italiani della terra. E noi non vogliamo questo; … percio` il P.I.E. sta agendo da subito senza esitazione.
Noi del P.I.E. ci rappresentiamo come dei patriotti italiani “fedeli” alla cultura e la storia italiana.. Oggi il P.I.E. e` con onore un grande “network mondiale” di cittadini italiani all`estero, sviluppato nei quattro angoli della terra “per tutelare i diritti degli italiani all`estero”.
Il P.I.E. non e` alle dipendenze di nessun personaggio e/o partito della CPI. Crediamo che, solo partendo da questa fondamentale “condizione”, anche in Italia si potra` iniziare a realizzare una “rivoluzione” culturale e politica, fatta di “trasparenza” e di “regole etiche”a 360 gradi.
In Italia bisogna ora innanzittutto, –e` evidente a persone di buon senso–, educare, strutturare tutta la società, chiarendo a tutti i “diritti e doveri” dei Cittadini e dello Stato.L`italia ha necessita` di una Nuova Cultura di “qualita`” e di “competenza” dell`attivita` della Politica.
Il P.I.E. vuole percio` sta raccogliendo tutti i connazionali all`estero in “un contenitore politico unico”, dare loro “una forza parlamentare” e “potere politico contrattuale” per poter imporrere l’esazione dei propri diritti. I Cittadini Italiani all`etsero sono “linfa vitale” per il Bel Paese. Da questa il P.I.E. vuole recuperare lo stampo “staminale” dell’amor patrio antico, dei vessilli della tradizione italica, della passione, della genialità e dell’onestà cavalleresca che in Italia, al presente, non c’è più. Sono proprio questi italiani organizzati in partito (nel P.I.E.) che insieme agli italiani in Italia stanno pianificando un progetto preciso di “Innovazione Nazionale”, svincolata dalla logica dell’inciucio.
Il P.I.E. e` un partito che nasce all’estero per aiutare e salvare dalla tragedia l’Italia e per tutti gli italiani all`estero. https://archivio.politicamentecorretto.com/index.php?news=10122 . “La trasparenza” e “l`etica” nella politica sara’ il nostro punto cardine e basilare.
L`Italia di oggi non ha una “seria” Classe Politica. Non solo, non ha neppure un sistema socio-politico di riferimento; e perciò non ha alcuna “visione” del presente e del futuro e dell`Italia. Nessuno sa e nessuno capisce dove questi governanti intendano portare il Bel Paese. Bisogna poter “premere” per instaurare percio` un rapporto piu`stretto tra Legislatore e Cittadino, e questo e` possibile solo se i cittadini sono messi al corrente dei “propri diritti e doveri”.
La nostra non e` antipolitica, ma e` la “vera politica” perche` e` “concretezza politica”. Ogni rappresentante del P.I.E., sia a livello dirigenziale che al momento della sua candidatura ad una carica elettiva, deve mettere al primo posto gli interessi prevalenti dei cittadini che rappresenta. Poiche`l’inaffidabilità e l’irresponsabilità, sono ormai sovrane in tutti i contesti del sistema Italia, drammaticamente necessarie; erano quindi necessarie le “Innovazioni” dei Connazionali Italiani all`estero. Percio` siamo stati costretti a costituire il P.I.E.—per salvare il Bel Paese–.
In piu` l`Italia –che vergogna !– e` l`unico paese al mondo con una cosi` alta concentrazione dei “Media”, che i Governi utilizzano per “contaminare” le menti dei cittadini, e nascondere al popolo “ le verita`” del Bel Paese –e dove percio`i “Media” medesimi, esercitano “una azione di inibizione socio-culturale” sui cittadini stessi,…ma non sui politici ( …. i quali ne approffitano per pianificare le loro “trappole” e le loro intraprendenze “oscure” )–. Il termine spesso usato dai media “i poteri nascosti” è stato sempre presentato come “una normalità”. Noi, “innovatori” del P.I.E. ci siamo posti tantissime domande, alle quali stiamo offrendo le nostre risposte (dai 5 continenti), le nostre soluzioni e le nostre “innovazioni”. .. –Ebbene gli “innovatori” del P.I.E. con la loro forza, con le loro “soluzioni” ed “Innovazioni” stanno contribuendo in silenzio, giorno dopo giorno, ad aiutare l`Italia.–
Era naturale che a causa dei gravissimi e drammatici “errori della democrazia” in Italia –causati dalle “diaboliche scorrettezze” dei politici–, migliaia di cittadini italiani all`estero si siano uniti e hanno costituito il P.I.E.; il quale e`effettivamente “l`unico partito italiano”che nasce all`Estero per salvare l`Italia e per difendere tutti gli Italiani della terra. La politica italiana dovrebbe seriamente riflettere, …ma continua invece arrogantemente a non farlo ! Il Bel Paese ha bisogno di più giustizia sociale,–che i governenti si rifiutano di applicare –.Ecco perche’ serviva il P.I.E.: ed era necessario che iniziasse a formarsi all`estero, e che si rivolgesse a tutti gli italiani della terra. Per quanto tempo i governanti italiani potranno continuare ancora a nascondere “le verita`” della realta` del Bel Paese ai loro cittadini ?
Costituire il P.I.E. significa partire subito con un immenso bagaglio di esperienze culturali, sociali e politiche internazionali. E, per mezzo loro, con le “sintesi” e con le “soluzioni” generate dal P.I.E., tutte queste “Innovazioni” del P.I.E. possono essere sicuramente messe a disposizione del Bel Paese, ..per la sua “rinascita”. Percio`, il P.I.E. era, e` e sara` necessario per la salvezza del Bel Paese–,perche` il P.I.E. pensa sempre e solamente “al benessere” di tutti i Cittadini Italiani della terra, perche` ha come modello e fondamenta “la verita`”e “la giustizia”.
Di sicuro le “innovazioni” del P.I.E. terranno conto solo degli “interessi degli italiani” –e per niente affatto di quelli dei “poteri forti” –, e quindi “solo del popolo” che e` sovrano in Patria. Tutti –nel mondo– ormai stanno constatando che “il degrado italiano”sta` aumentando, giorno dopo giorno, percio` da ora bisogna dar assolutamente spazio agli “innovatori” del P.I.E. ( e a tutti quei Movimenti e Associazioni che vogliono unirsi a noi), che conoscono molto bene “le realta`”(le “verita`”) del mondo. Insomma il P.I.E. e` deciso e determinato a dare un forte Segnale “di cambiamento” e “di rinnovamento”, “di impegno politico concreto”, fatto di alta moralita` ed etica a 360 gradi. All`interno del P.I.E. vi sono tanti “intelligenti innovatori” che possono esprimersi al meglio nella gestione del Bel Paese. …. E` un fatto “molto importante” che gli stessi “innovatori” del P.I.E. non provengono dalle segreterie della CPI.

Il P.I.E. e` determinato a fermare questi criminali dei rappresentanti politici italiani (CPI), percio` intendiamo offrire e ridare il potere al popolo: ai cittadini che sono sovrani nel Bel Paese. E` insensato oggi analizzare persino “le proposte” di ciascun partito politico in Italia (CPI). Il P.I.E. vuole ridare il “potere democratico” e percio` il “potere di scegliere” i propri rappresentanti politici ai Cittadini Italiani, che oggi hanno pero` gia`perso, per cattiveria della CPI. Certamente, se questi partiti italiani continueranno a “gestirsi” il Sistema Elettorale Italiano, l`Italia non potra` mai uscire da questo “infernale vicolo cieco”. Percio` il P.I.E., sia con le buone e sia con le cattive maniere, dovra` costringere questa CPI a farsi da parte ed a scomparire. La democrazia in Italia si potra` realizzare solo togliendo tutti i poteri a questa CPI e ridare “il potere” al Cittadino: …. altre alternative assolutamente non esistono ! Ai vertici di questi partiti politici dovremo impedire tutto questo malgoverno attuale e di “gestrirsi” da soli le prossime Elezioni Politiche, ..e –io affermo a voce alta –persino l`uso della “forza” sarebbe cristianamente ben accettata, per consentire a tutti questi banditi e criminali della CPI, che le decisioni in merito alla scelta dei candidati alle prossime elezioni politiche siano non scelti –ancora una volta –, dalla CPI, ma ..solo dai Cittadini Italiani, perche` questa situazione attuale (in Italia) e` “tirannia” vera e proprio. Quindi il Cittadino Italiano deve ritornare ad essere “decisionale”, da subito nel proprio territorio, nella propria regione e nel proprio Paese. La nostra “rivoluzione culturale” della politica italiana per il bene dell`Italia e` partita, …e non potra` mai piu` fermarsi. Noi del P.I.E., piu` rapidamente riuniremo tutti gli Italiani della terra, e quanto prima riusciremo a offrire la vera Democrazia al nostro popolo italiano, alla nostra Patria. La partita` e` cruciale, perche` tutti i nostri valori ed il nostro “esistere quotidiano” e` in gioco: il P.I.E. c`e` e non si arrendera` mai.
Noi siamo terribilmente arrabbiati verso questi parassiti pseudo-politicanti italiani, che oltre ad aver portato il Bel Paese alla rovina, hanno da sempre distrutto gli ideali ed il futuro di migliaia di ragazzi e gioventu` italiana; i quali essendo stati sempre “umiliati”, “presi in giro” e “traditi” sono stati costretti a scappare dall`Italia all`estero per poter aquisire altrove un pizzico di “dignita` umana” che i governanri italiani hanno sempre negato, con le loro diaboliche cattiverie, distruggendo loro le minime possibilita` di un futuro pieno di speranze per tante generazioni di gioventu` italiane.
“C`era un vuoto” nella nostra societa` degli italiani all`estero. Il Comitato Promotore Int`l del P.I.E. ha avuto il coraggio, la fede e la tenace di perseverare in questo progetto: tutti gli italiani –in Italia–da ora iniziano a rivedere la luce della speranza di poter sperimentare la vera e autentica “democrazia”. In conclusione gli italiani all’estero,–nel P.I.E.– hanno in mano una chiave valida per tutto il Bel Paese, quella di volta per aprire in Patria la speranza del futuro con “energie nuove” e “spirito innovatore”.
L`iscritto al P.I.E. e` un “solution-maker”, cioe` quando vede un problema nella societa`, cerca subito di risolverlo (analisi dei bisogni + totale strategiche soluzioni–>Soluzione Ideale = “Innovazione”): senza preoccuparsi delle ideologie politiche, ne`di destra e ne`di sinistra, percio` G.Local = Global + Local sono le “Innovazioni Internazionali” del P.I.E. generate all`Estero e proiettate nel territorio locale italiano.
Noi siamo il Partito “botton-to-up”, nel senso che tutte le decisioni sono e saranno sempre prese dalla “base” e trasferite alla “direzione”. Mentre negli altri partiti italiani avviene il contrario, e cioe` loro applicano la forma “top-to-bottom”.
Decisamente il P.I.E. non ha la presunzione di credere di conoscere “la verita’” assoluta. E` chiaro, e non a caso, tutti gia` sanno che noi saremo sempre disponibili al dialogo e che la coscienza del P.I.E. e` “trasparente”, ognuno puo` leggerci , sentirci, comunicarci e proporci la propria problematica. Noi del P.I.E. saremo –sempre nella “trasparenza”– le “voci” ed i “dipendenti” di Tutti i Cittadini Italiani della terra. E, tutti coloro che sono iscritti al P.I.E. possono decidere qualsiasi cosa all`interno del P.I.E. –ognuno e` “decision-maker”–. Gli eletti del P.I.E. saranno Parlamentari che “si faranno giudicare” dai Cittadini per 60 minuti all`ora, per 24 ore al giorno, per 365 giorni all`anno. “Viva l`Italia Una e di Tutti”.

)

Lascia un commento