IMMIGRAZIONE-SICUREZZA, meno pregiudizi e più informazione

“Nessuna politica repressiva ed intollerante da parte dell'Italia verso gli immigrati! Un messaggio forte e chiaro che dobbiamo saper promuovere per combattere gli stereotipi sulla nostra politica nazionale e la disinformazione dei media. L'ultimo monito in ambito ONU sulle possibili violazioni dei diritti umani da parte dell'Italia, dimostra che i giudizi prematuri, che trovano per giunta radici nella distorsione e nella diffamazione che si fa della politica del nostro Paese all'estero, rivelano poi successivi passi indietro e dovuti chiarimenti. L'ipotesi di un reato di clandestinità – peraltro mai contestato ad altri Stati europei – nasce in Italia da un'emergenza immigrazione mal gestita dal precedente Governo, e che il Presidente Berlusconi ha precisato considerare solo come un'aggravante per chi commette reati previsti dal codice penale. E' chiaro poi che, comportando il provvedimento una seria modifica dei codici in vigore, vada discusso in ambito parlamentare, anche con il contributo dell'opposizione. Meno pregiudizi e più informazione renderebbero questo lavoro più facile per tutti”.

Lascia un commento