Onorevole Carlo Costantini

ON. COSTANTINI (IDV): NO AD UNA COMMISSIONE DI INCHIESTA SUI FATTI DEL G8 DI GENOVA.

Una Commissione parlamentare di inchiesta sui fatti del G8 di Genova risulterebbe oggi del tutto inutile, se non addirittura dannosa.
Rischierebbe di sovrapporsi all'azione della Magistratura, che sino ad oggi non ha conosciuto soste nell'opera di accertamento delle gravissime responsabilità di chi – in posizione di comando, come in posizione operativa – si sarebbe reso tra le forze dell'ordine protagonista di abusi e di lesioni ai danni dei manifestanti.
Risulterebbe nella sostanza inutile per gli effetti dovuti all'approvazione dell'indulto del 29 luglio 2006.
Proprio le forze politiche che oggi spingono per l'istituzione della Commissione di Inchiesta poco più di un anno fa sono state protagoniste dell'approvazione di un indulto che verrebbe automaticamente applicato ai reati per i quali e' stato indagato il personale delle Forze dell'Ordine.
Chi ha sostenuto e votato l'indulto ha, quindi, nella sostanza già privato le vittime dei fatti di Genova del diritto a vedere condannati e puniti gli eventuali responsabili degli abusi e delle violenze subite.
In questo contesto e' davvero difficile comprendere quali finalità – se non quelle di un uso strumentale contro le Forze dell'Ordine – potrebbero giustificare l'istituzione di una Commissione di Inchiesta.
Per questo, dopo aver detto (inutilmente) no all'indulto, diremo no anche all'iniziativa di chi – dopo aver cancellato con un colpo di spugna le conseguenze penali di eventuali reati commessi dalle Forze dell'Ordine contro i manifestanti – senza alcuna coerenza e senza alcuna logica con le proprie precedenti azioni invoca oggi l'istituzione di una Commissione di Inchiesta per i fatti del G8 di Genova.

Ufficio Stampa On. Avv. Carlo Costantini

349 5866896

Lascia un commento