No a trattative private per la vendita di Alitalia

Siamo di nuovo all’emergenza Alitalia. Il governo Prodi aveva fatto una gara trasparente. Aveva trovato un partner industriale come Air France disponibile a prendersi una patata bollente garantendo la continuità del nome Alitalia.In campagna elettorale Berlusconi ha fatto saltare l’accordo, giustificandolo con la salvaguardia dell’identità nazionale di Alitalia e dei posti lavoro, preannunciando una cordata … Leggi tutto

Enzo Biagi, la libertà  di espressione e il decreto “salva Rete 4”

Ha detto Enzo Biagi:“E’ la prima volta che un Presidente del Consiglio [Berlusconi] decide il palinsesto, cioè i programmi, e chiede che due giornalisti, Biagi e Santoro, entrino nella categoria dei disoccupati. L’idea poi di cacciare il comico Luttazzi è più da impresario, quale del resto Lei è, che da statista. Cari telespettatori, questa potrebbe … Leggi tutto

Berlusconi: oltraggio alla Corte pur di salvare il proprio potere televisivo

Pur di salvare il suo potere televisivo Berlusconi non si preoccupa di oltraggiare la Corte, anzi due: la Corte Costituzionale italiana e la Corte di Giustizia Europea. Dal 1999 una delle reti Mediaset, Rete 4, trasmette senza concessione e quindi in violazione delle regole. La Corte Costituzionale aveva infatti stabilito che tre reti televisive nelle … Leggi tutto

Il conflitto di interessi del premier

Berlusconi: ha appena iniziato e già tenta di fare una legge per sé stesso! Non ha ancora iniziato ad operare (nell’interesse dell’intera nazione come ha giurato davanti al Capo dello Stato), e già nel primo provvedimento che intende adottare sta inserendo una sanatoria che in primo luogo permetterà a lui stesso di sfuggire per l’ennesima … Leggi tutto

Il diritto di conoscere i redditi dichiarati e le tasse pagate

L'altro giorno l'Agenzia delle Entrate ha reso pubbliche le dichiarazioni dei redditi del 2005 dei contribuenti italiani. Così prevede una legge fin qui mai applicata. Oggi il Garante per la Privacy ha sospeso l'accesso al sito. L'articolo 53 della nostra Costituzione afferma che: “Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro … Leggi tutto

Sirchia condannato a tre anni di reclusione e alll’interdizione dai pubblici uffici

L’ex Ministro Sirchia: un altro “potente” salvato dall’indulto L'ex ministro della Sanità del governo Berlusconi,Girolamo Sirchia, è stato condannato a tre anni di reclusione e alll’interdizione dai pubblici uffici, come pena accessoria, nell’ambito di un processo per tangenti nel mondo della sanità milanese. Sirchia è stato condannato insieme ad altre sette persone e ad una … Leggi tutto

Via i giudici fannulloni

La notizia ha dell’incredibile. Due mafiosi condannati otto anni fa a 24 anni di reclusione dal Tribunale di Gela sono liberi da 6 anni perché il giudice che emise la sentenza, Edi Pinatto, non ne ha ancora scritto le motivazioni. E’ uno scandalo che lascia senza fiato.Ho sempre difeso l’indipendenza della magistratura e continuerò a … Leggi tutto

Una palpatina in cambio di una ricarica da 10 Euro: tra ragazzini della scuola media.

La notizia viene da Campodarsego, piccolo centro del Padovano: alcuni ragazzini delle scuole medie, hanno avviato uno scambio di favori sessuali in cambio di ricariche telefoniche. Secondo quanto riferito da “Il Mattino di Padova”, ragazzini tra i 10 e i 14 anni convincevano le loro coetanee a prestarsi per fugaci incontri sessuali che avvenivano nelle … Leggi tutto

Italia dei Valori non si scioglie!

Ci presenteremo alle prossime elezioni con le nostre liste e con il nostro simbolo in coalizione con il partito democratico. Nel prossimo Parlamento costituiremo un unico gruppo parlamentare a significare la convergenza su un programma a cominciare da una delle nostre parole d’ordine più significative: No alla candidabilità dei condannati con sentenza passata in giudicato. … Leggi tutto

Più di 10.000 italiani morti nelle foibe, molti dei quali gettati vivi

Dopo la “shoah” (olocausto) degli ebrei oggi 10 febbraio se ne ricorda un altro, meno conosciuto: quello degli Istriani, Fiumani e Dalmati. Pur se la dimensione è diversa essa appare non meno drammatica ed efferata di quella posta in essere dal nazismo. E’ questo il segno che la crudeltà e la cattiveria umana non hanno … Leggi tutto