INSIEME per gli italiani. RESPONSABILITA’ E MERITOCRAZIA

di Carmelo Cicala Presidente di INSIEME per gli italiani
Il programma di INSIEME

Proponiamo che i dicasteri dell’Economia e della Funzione Pubblica siano frutto di una grande collaborazione bipartizan e che le decisioni più importanti per il bene del paese, siano prese di comune accordo tra maggioranza ed opposizione soprattutto in regime di emergenza. Si propone la spoliticizzazione dei ministeri e l’adozione di un quadro tecnico-professionale per salvare il Paese dal fallimento.
L’economia sarà sempre il tallone d’Achille di ogni governo visti i quadri economici globali pertanto i due ministeri cardine deputati al raggiungimento degli scopi prefissati nelle politiche di bilancio dovranno essere affidati ad ambedue gli schieramenti: governo ed opposizioni soprattutto in regime di emergenza che non lascia spazio a rilassamenti. Tutto ciò deve essere possibile e di fatto, lo vediamo, è possibile stando alle esperienze ultime del governo Monti. I ministeri dovranno essere avulsi dalla politicizzazione che significa interessi di parte e parzializzazione delle politiche.
L’introduzione del principio che se a un politico viene affidata la direzione di una istituzione esso deve avere la capacità professionale necessaria per essere ministro, i loro collaboratori e funzionari, soprattutto per quei ministeri dell’economia e delle finanze e delle infrastrutture dovranno essere solo ed unicamente dei tecnici o politici altamente specializzati. Nuove capacità di gestione sono necessarie nelle istituzioni. Esse possono essere introdotte nella P.A. attraverso:
♦l’avvio di una serie di controlli affinché il politico o il funzionario pubblico lavori per il Paese e non per il proprio clan o gruppo di potere;
♦la regolamentazione nella P.A. del conflitto di interessi e il chiaro riconoscimento dell’interesse nazionale e l’esperienza per dirigerla con efficienza per ottenere risultati positivi nei fatti e non, come spesso avviene, solo a parole.
Meritocrazia a tutti i livelli istituzionali. Non è possibile non poter fare affidamento sulla professionalità e sulla preparazione di quanti debbano gestire la cosa pubblica. Nessun conflitto di interessi allora tra chi governa e gestisce e l’interesse pubblico. D’altronde non solo le vicissitudini nostrane lo hanno ampiamente dimostrato negli ultimi tempi ma la disaffezione della gente per la partitocrazia in genere lo dimostra a chiare lettere. L’esempio importante e pedagogico da dare serve soprattutto ai giovani a quella forza nascente cui dovranno essere affidati i destini del paese nel prossimo futuro. L’inversione di tendenza deve essere nella direzione di premiare, anche con una dura competizione e al cospetto del confronto serrato, chi merita e chi dimostra che il lavoro e lo studio prepara a potersi candidare e proporsi nei posti chiave. Basta approssimazioni, basta praticoni allo sbaraglio con in mano una cosa più grande di loro della quale disconoscono i meccanismi ed ignorano parimenti le proposizioni per risolverle. I governi dovranno essere composti da presenze di politici di governo che siano necessariamente preparati e questo deve significare necessariamente esperti delle cose di cui parlano e dei poteri che sono chiamati a gestire. Chi dovrà farsi carico di questo tipo di responsabilità, dovrà dimostrare di essere il punto di riferimento al quale rivolgere istanze e problematiche ed al quale chiedere risposte tecniche anche se politicamente non accettabili per questioni di contrapposizioni ideologiche.

In “Leggi il documento” il modulo di adesione di INSIEME per gli italiani

Lascia un commento