IL PUNTO di Marco Zacchera ( marco.zacchera@libero.it — www.marcozacchera.it ) n. 609 del 17.12.2016

SOMMARIO: GENTILONI FOTOCOPIA – ALTERNATIVE PER IL 2017 – VERBANIA CENTER

Cari amici,

quasi nessuna sorpresa per la nomina di Gentiloni per un governo-fotocopia di quello di Renzi. Non che ci fossero scelte molto diverse da fare perché se correttamente si varasse al più presto una nuova legge elettorale per poi passare subito al voto la scelta di Mattarella sarebbe stata in fondo quella obbligata.

LA TEORIA E LA REALTA’

Governo pre-elettorale? In realtà Gentiloni spera, di salto in salto, di tirare avanti almeno un annetto e soprattutto lo spera Renzi che – rinviando il voto, ma controllando stretto il neo-premier – spera di far dimenticare la sua sconfitta referendaria e tutte le sue balle collegate serviteci in quantità..

D'altronde questo è solo un suo governo per procura trovando curioso il passaggio di Alfano agli Esteri senza alcuna preparazione specifica (sui blog circolano già le sue esilaranti interpretazioni in siculo-inglese, ma avere un ministro che neppure lo parli correttamente è davvero l’apologia dell’ italietta…) ma soprattutto ho trovato offensivo verso tutti gli italiani nominare la Boschi sottosegretaria-factotum, ovvero la badante ufficiale del premier. Ricordiamoci che la stessa Boschi aveva stragiurato che in caso di sconfitta referendaria sarebbe ritornata a casa, ovviamente non è stato così.

Lasciando perdere la figuraccia della neo-ministro alla Pubblica Istruzione, l’ex sindacalista Valeria Fedeli risultata senza nemmeno un diploma di maturità (ma visto che aveva barato sul curriculum, le sue immediate dimissioni per vergona conclamata non sarebbero opportune?) è invece positiva la scelta di Minniti all’Interno perché è una persona seria.

In ogni caso a questo governo chiederei solo di portarci celermente al voto e che avesse il coraggio di spiegarci chiaramente lo scandalo di MONTE DEI PASCHI DI SIENA perché è inaudito che una banca accumuli 19 miliardi di sofferenze e alla fine paghi solo i risparmiatori e lo stato. .

Questo vale per le altre pesanti responsabilità di Bankitalia, CONSOB e governo Renzi per MPS ma anche nella gestione degli affari delle Banche popolari, altro scandalo indecente. Una inchiesta si impone però soprattutto su MPS che è stata per decenni la banca di riferimento prima del PCI, poi dei PDS, dei DS ed ora del PD.

A chi e perché sono stati concessi questi crediti senza garanzie?

Decenza vorrebbe avere un po’ di chiarezza e che qualche Magistrato avesse la spina dorsale diritta nel cercare di capire quali porcherie ci siano dietro. Dubito che ci sarà, purtroppo, perché in troppi pensano alla carriere e allora la vera “mission” di Gentiloni è semplicemente quella di annebbiare e sbianchettare le carte, rinviare, far dimenticare Renzi agli italiani per poi farcelo ritrovare ricandeggiato alle elezioni.

Il nuovo premier servirà anche per firmare il lavoro sporco di qualche riformetta fiscale e preparare così un lifting al PD di Renzi, pronto per tentare la rivincita la prossima volta.

Per questo spingeranno tutte le coperture e le blindature degli amici degli amici su stampa, TV e informazione in genere.

IL RUOLO DELL’OPPOSIZIONE: ALLEANZA CON I 5 STELLE?

Nel frattempo sta però all’opposizione cercare di cucinarsi Gentiloni a fuoco lento, non perdere il ritmo e soprattutto studiare una strategia vincente.

Vale per il M5S e per il centro-destra, in stato di grave involuzione, perché non basta dire solo no, ma bisogna saper controproporre temi credibili.

Saranno mesi delicati e potenzialmente decisivi e serve innanzitutto darsi una guida credibile che sappia coinvolgere l’elettorato, motivarlo e farlo sognare, ma questo potrà avvenire solo – lo so che mi ripeto da tempo ! – coinvolgendo milioni di italiani con elezioni primarie vere di coalizione, con un patto chiaro che chi alla fine non fosse eletto leader si impegni comunque ad appoggiare il vincitore.

Possibile che sia così difficile pensarlo e volerlo? Solo riguadagnando consenso si potrà sperare in un dopo-Renzi ed è intanto da porre seriamente la questione di una ipotetica alleanza non solo tattica ma strategica con il M5S.

Una bestemmia? Dipenderà dal sistema elettorale, ma ad oggi va sottolineato che Grillo ha saputo coinvolgere emotivamente e coagulare lo scontento anche meglio di Salvini e della Meloni con alcuni “colonnelli” (come Di Maio e Di Battista) decisamente accattivanti.

Se si concordassero alcuni punti-chiave di una alleanza basati sull’onestà e la trasparenza sarebbe sciocco scartarla per questioni di principio o per presunzione soprattutto perché il non ipotizzarla sarebbe fare un grosso regalo a Renzi & PD.

CENTRO DESTRA “ORIZZONTALE”

D'altronde siamo abituati ad immaginare un centro-destra “verticale” con tre o quattro partiti principali e alcuni satelliti, immaginiamolo invece se fosse “orizzontale” ovvero separando chi corre dietro al potere (Verdini, Alfano e soci ne sono stati una dimostrazione lampante, Berlusconi rischia di esserlo) da quelli che coerentemente vogliono invece cambiare metodo e ritmo in questo paese: ecco che allora le distanze destra-5 Stelle sarebbero molto minori. Per questo sarebbe utile aprire un dibattito su questo argomento, se ancora il dibattito nei partiti fosse un approfondimento doveroso e normale invece della solita, superficiale chiacchierata pro tele-utenti di Porta a Porta.

Chissà che il 2017 non porti consiglio, intanto mi piacerebbe conoscere un po’ meglio l’opinione dei lettori.

……………………………………………………………………………… ……….

NEL FRATTEMPO ARRIVANO LE FESTE E GLI AUGURI

Incombono intanto le feste di fine d’anno, il ritmo anche della politica si riduce, tutti fanno finta di essere più buoni. Anche IL PUNTO diraderà per un paio di settimana la sua presenza e a tutti i lettori un augurio coi fiocchi.

.

Resta il tempo per allegare la consueta relazione di fine anno del “VERBANIA CENTER”, piccola iniziativa concreta che porto avanti ormai da 35 anni e grazie anche qui a tutti quanti vorranno dare una mano, direttamente o tramite qualche iniziativa analoga. L’esperienza insegna che più ogni intervento è “mirato” e diretto meglio è, quindi non dite che non ne avete l’occasione: il miglior augurio di Natale è fare la pace con il vicino di condominio rompiballe, oltre che dare una mano a qualche realtà della vostra città e aprirsi un po’ anche al pensiero degli altri per essere tutti noi un po’ meno egoisti. Doppio grazie a chi vorrà dare una mano proprio al “Verbania Center”, credo che nei decenni ce la siamo meritata.

“ KABA KUKUNA ANDU” (“E’ MEGLIO FARE DEL BENE”)

RAPPORTO SUL VERBANIA CENTER – RELAZIONE DEL 35° ANNO

Cari amici,

35 anni… una vita da quando – era il Natale del 1981 – nacque il “Verbania Center” prima come associazione spontanea e ora specifico e autonomo Fondo inserito all’ interno della “Fondazione Comunitaria del VCO”. Quasi tutti i benefattori iniziali oggi non ci sono più e purtroppo anche quasi tutti i missionari e laici che abbiamo aiutato nel tempo sono deceduti o non sono più operativi, ma altri li hanno sostituiti così come qualche nuovo amico ci è stato vicino nel corso degli ultimi anni. Proseguiamo quindi con la nostra piccola attività perché – riflettendo – oggi ci sarebbe ancora più bisogno rispetto alle difficoltà di tante comunità in Africa e nel mondo rispetto a quando abbiamo iniziato. Ecco intanto il bilancio di quest’anno.

RELAZIONE FINANZIARIA

Dopo la costituzione del “Fondo Verbania Center” presso la Fondazione Comunitaria del VCO le disponibilità sono ora da dividersi in due diverse gestioni: quella “patrimoniale” (che va ad incrementare il fondo iniziale di adesione alla Fondazione) e la “sezione corrente” dove si versano gli altri fondi raccolti e li si distribuiscono nelle diverse attività.

Durante il periodo 28.11.2015 – 6.12.2016 sono stati ricevute altre offerte complessive per euro 7.900 dei quali 200 direttamente versati alla Fondazione, oltre a una rendita sui capitali investiti nel patrimonio che oggi ammonta ad euro 70.754. Il fondo di cassa disponibile presso la Fondazione è di 2.826 euro. Durante il periodo sono stati destinati e spesi 9.700 euro. In totale dall’inizio della sua attività, oltre a molti beni in natura ed attrezzature, il Verbania Center ha quindi superato come raccolta i 540.000 euro che, salvo i saldi attuali e il fondo patrimoniale, sono stati tutti spesi nel tempo in oltre 100 iniziative diverse, tutti “senza spese” perché ricordo che la nostra iniziativa non ha nessun costo di amministrazione o di gestione.

MOZAMBICO: NACALA E MACHAVA 2

In Mozambico continua la collaborazione con la suora salesiana verbanese Maria Luisa Spitti che sta realizzando insieme alle sue consorelle diverse iniziative soprattutto in campo scolastico. Quest’anno con 2.000 euro abbiamo continuato a finanziare la scuola “Mira Mar” (2.200 studenti) in un “barrio” (quartiere-baraccopoli) nella periferia di Nacala, nel nord del paese. I fondi sono serviti per sistemare le aule, migliorare le strutture di accoglienza e mantenere un pozzo che fornisce acqua potabile a circa 2000 famiglie, ma ne servirebbero altri due.

In Mozambico opera anche la sorella di suor Maria Luisa (Luana Spitti) una dinamica laica che lavora a Machava 2, nella periferia di Maputo. In queste zone periferiche è assolutamente carente l’assistenza sanitaria e quindi – grazie soprattutto all’aiuto di uno specifico benefattore – si è lavorato attivamente per ristruttura un ambulatorio-infermeria molto importante. Sono stati sistemati nuovi locali per diversi reparti compresa la pediatria, acquistate strutture e impiantando strumentalizzazione adeguata in parte proveniente usata dall’Italia. Abbiamo inviato a Luana 5.000 euro a completamento di quanto previsto e come primo acconto per un nuovo ampliamento destinato a migliorare le fatiscenti condizioni del pronto soccorso. Luana opera anche direttamente con la sua onlus “Fratelli Senza Frontiere” che è formalmente la nostra corrispondente-partner.

ZAMBIA

Tramite una nostra amica di Verbania che da anni lavora in zona abbiamo contribuito con 500 euro alla scuola per sordomuti di Kalulusci, una delle poche realtà in quella zona per bambini non udenti. La somma è servita per l’acquisto di materiale didattico.

KENYA

Questo paese era stata la culla del Verbania Center ma ormai sono pochi i missionari presenti. Abbiamo inviato 500 euro a p. Antonio Bianchi (94 anni!) che continua a lavorare tra i ragazzi di strada a Nairobi e altrettanti a suor Florinda Tosi, ancora attiva con mille progetti.

SIRIA ED IRAQ

Molti hanno seguito l’evolversi della drammatica situazione in Iraq e in Siria dove ci sono milioni di profughi per i conflitti in corso. Si è deciso di intervenire con una piccola somma rispetto alle enormi necessità (1.200 euro) versate attraverso l’associazione vaticana “Aiuto alla Chiesa che soffre” per l’assistenza materiale a profughi – in prevalenza cristiani – che hanno dovuto abbandonare le loro terre,

ALTRI AIUTI

In diverse altre nazioni teniamo contatti come in Burundi, Brasile, Kenya, Venezuela, Colombia, ma anche quest’anno non abbiamo inviato fondi per progetti specifici, salvo che consegnare appunto qualche cosa a missionari o collaboratori laici temporaneamente in Italia, questo anche perché non inviamo fondi se non a fronte di un progetto ben chiaro .

LA “FILOSFIA” DEL VERBANIA CENTER

Ricordiamo la “filosofia” che sta dietro alle nostre iniziative, riassumibile in pochi punti:
1) nessun tipo di spesa generale: tutto quello che si raccoglie si spedisce e lo si rendiconta
2) le iniziative finanziate debbono esserlo solo in parte, prevedendo il coinvolgimento di gruppi o popolazioni locali che devono co-partecipare mettendoci almeno il lavoro materiale. Inoltre i progetti realizzati per delle comunità non sono completamente gratuiti, ma sempre soggetti ad un piccolo pagamento o a una modesta retta di mantenimento, perché tutti siano responsabilizzati al sacrificio e siano ben mantenute

3) ogni intervento ha sempre un responsabile locale conosciuto e serio, che possa così rispondere della qualità e con precisione di quello che viene fatto.

L'AZIONE DEL”FONDO”

Sette anni fa il “VERBANIA CENTER” si è trasformato aderendo con un proprio fondo autonomo alla Fondazione Comunitaria del VCOche ha l’obiettivo di contribuire a sostenere lo sviluppo sociale del nostro territorio con l'erogazione di contributi alle organizzazioni non profit; oltre che di promuovere la cultura della solidarietà tra i cittadini del VCO,

La prima dotazione del nostro Fondo è stata costituita raccogliendo 50.000 euro da alcuni soci fondatori e tale somma – incrementata anche quest'anno da rendite e successive donazioni – costituisce la sezione patrimoniale del Fondo (ad oggi è salita appunto a 70.754 euro) che fa parte, come Fondo indipendente, del patrimonio complessivo della Fondazione Comunitaria del VCO. Le somme investite a patrimonio producono rendite destinate anche al sostegno dei singoli progetti.

Il nostro Fondo è incrementato da donazioni libere e lasciti disposti da privati cittadini, Enti e imprese che condividano le nostre iniziative e vogliano contribuire direttamente al finanziamento dei progetti.

Tali donazioni – se non vincolate o se ciò sia specificatamente richiesto – vengono inserite nella sezione corrente del Fondo e sono e saranno destinate direttamente alle iniziative di solidarietà.

Chi desidera partecipare al progetto Verbania Center, può quindi sempre contribuire con una donazione libera sul conto intestato a Fondazione Comunitaria del VCO presso BANCA PROSSIMA – IBAN: IT28 S033 5901 6001 0000 0000 570) indicando: “FONDO VERBANIA CENTER” E' inoltre possibile effettuare versamenti sul c/c postale n. 76673664 intestato a Marco Zacchera – Via Castelli 30/a 28922 VERBANIA (indirizzo che funge anche da recapito e segreteria). In entrambi i casi sempre indicando come causale “FONDO VERBANIA CENTER” e/o potete scrivere per ogni dettaglio via mail: marco.zacchera@libero.it .

RICORDO CHE E’ USCITA LA 3° EDIZIONE DEL LIBRO “LA MOSCHERUOLA” I CUI INTROITI SONO DESTINATI AL “VERBANIA CENTER”: PUO’ ESSERE UN’ IDEA PER UN REGALO A NATALE. Per info e richieste: marco.zacchera@libero.it

A tutti un saluto, grazie dell’amicizia e Buon Natale

Verbania, dicembre 2016

MARCO ZACCHERA

Lascia un commento