Il caso di Radio Maria. L’editore Frank Semenzi querela padre Cavalcoli per le frasi offensive

Dopo le frasi sconcertanti del frate ravennate ai microfoni di Radio Maria

L’editore Frank Semenzi querela il teologo Cavalcoli

Il fondatore della rivista Pride ha depositato una denuncia presso la Questura di Milano

Le frasi sconcertanti del frate domenicano Giovanni Cavalcoli, proferite ai microfoni di Radio Maria, con la presunzione di dare una personale chiave di lettura allo sciame sismico in Italia, continuano a suscitare proteste e polemiche nella comunità Lgbti: l’editore Frank Semenzi, ideatore e fondatore della storica rivista Pride, ha presentato una querela presso la Questura di Milano ai danni del teologo ravennate, colpevole di aver dichiarato in diretta che “i terremoti sono provocati dai peccati dell’uomo, sono il castigo di Dio per le unioni civili e l’omosessualità”.

L’arcivescovo Angelo Becciu, sostituto della segreteria di Stato vaticana, aveva condannato con fermezza queste estrenazioni di padre Cavalcoli, ritenendole frasi altamente offensive e scandalose, ammonendo anche l’emittente Radio Maria a moderare i toni di questo linguaggio assolutamente non conforme alla linea morale della Santa Sede.

“Il messaggio sprezzante lanciato dai microfoni di Radio Maria – spiega l’editore Frank Semenzi, consigliere della direzione nazionale di Anddosha chiaramente un grave contenuto diffamatorio ed offensivo verso tutta la comunità Lgbti, sono frasi oltraggiose e cariche di odio che colpiscono di conseguenza anche i rispettivi familiari ed amici, oltre a costituire un pericolo per le menti di tutti quei giovani omosessuali che stanno con fatica compiendo un percorso di accettazione della propria identità sessuale. Siamo stanchi di ricevere insulti: d’ora in poi porteremo in tribunale, come disciplina il codice penale, tutti coloro che utilizzeranno frasi, epiteti e affermazioni dileggianti contro le persone Lgbti”.

Marco Tosarello

Ordine Giornalisti Lazio – tessera n. 154360

redazione.anddos@libero.it

Lascia un commento