Notizie senza importanza come farfalle bianche

Notizie senza importanza come farfalle bianche

E’ volata via la notizia senza importanza, come quelle farfalle bianche che si posano un attimo sul vaso di fiori nel balcone. Volata via. Erano i dati emersi dal rapporto “Every Last Girl: Free to live, free to learn, free from harm”, lanciato il giorno 11 ottobre, da Save the Children in occasione della Giornata internazionale delle bambine e delle ragazze. Il Niger è il posto peggiore al mondo per l’esistenza di una bambina o una ragazza, la Svezia il migliore. Finlandia e Norvegia, occupano il secondo e il terzo posto nella classifica dei paesi virtuosi, mentre l'Italia si piazza in decima posizione, davanti a Spagna e Germania. Ogni sette secondi una ragazza con meno di 15 anni si sposa, oltre un milione di ragazze diventano madri prima di compiere i 15 anni, mentre 70.000 ragazze tra i 15 e i 19 anni perdono la vita ogni anno per cause legate alla gravidanza e al parto. Questi alcuni dati.

E la notizia è volata via. Del resto non era la prima notizia sui giornali, e non ci sono stati i cosiddetti programmi di approfondimento, come accade nel nostro Paese quando una ragazzina viene ammazzata e magari non se ne conosce l’assassino. Allora sì, la notizia diventa importante e per giorni e giorni se ne parla. Si chiamano opinionisti, psicologi, giudici, criminologi e chi più ne ha più ne metta. Così va il mondo.

Elisa Merlo

Lascia un commento