Calabria: commissariamento sanità, lunedì 30 novembre la conferenza stampa di Nesci (M5S) all’ingresso della Cittadella regionale

«ComePonzio Pilato, Mario Oliverio se n’è lavato le mani. Il governatore della Calabria non ha mai presentato un nuovo piano di rientro, cheapprovato farebbe cessare il commissariamento nella sanità regionale, secondo quanto previsto dalla legge ».Lo dichiara la deputata M5s Dalila Nesci, che sul tema annuncia una conferenza stampa di fuoco, prevista lunedì 30 novembre all’ingressoprincipale degli uffici della “Cittadella”, nuova sede della Regione Calabria, alle ore 10,15.

Ladecisione arriva dopo la risposta del sottosegretario alla Salute Vito De Filippo all’interpellanza della parlamentare, svolta venerdì27 novembre alla Camera, sull’illegittimità della proroga del commissariamento della Calabria nella sanità. «Sulcommissariamento della Calabria nella sanità – prosegue laparlamentare M5s – si stanno dicendo inesattezze e barzellette, prevalentemente targate Pd. La proroga, avvenuta tacitamente da quasitre anni, resta illegittima. Il presidente della Regione Calabria non ha fatto quanto in suo potere per gestire in proprio il piano dirientro dal disavanzo sanitario ».«Oliverio – conclude Nesci – non voleva né vuole lapatata bollente della sanità. Per questo preferisce vendere la favola del suo impegno contro la gestione commissariale, dal suopunto di vista dimostrato negando delle stanze della “Cittadella” al commissario Scura e al subcommissario Urbani. Significativamente,incontrerò i giornalisti proprio davanti al portone della ‘Cittadella’, a dimostrazione che il problema sta nel palazzo dellaRegione, oltre che nella finzione del governo, che sa che il commissariamento è da tempo divenuto illegittimo ».

Lascia un commento