Sicilia. Crocetta:"Depuratori, quanta disinformazione"

Palermo, 8 feb. “C'è chi si continua ad accanire nel voler attribuire alla
Regione la responsabilità relativa alla mancata attuazione di un miliardo di
investimenti nei depuratori. E lo fa senza alcuna documentazione nè conoscenza
dei fatti”. Lo dice il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta.
“Nell'accordo tra Regione e Stato stipulato tra ministero dell'Economia,
dell'Ambiente e assessorato regionale all'Ambiente e Acqua e rifiuti, è scritto
chiaramente che le somme sono assegnate ai comuni e che i finanziamenti
relativi vengono erogati a questi ultimi sulla base della presentazione di
progetti esecutivi. Soggetti attuatori sono dunque i comuni su cui insiste il
depuratore, in alcuni casi cittadino in altri consortile. In tal caso il comune
capofila è quello su cui insiste l'opera. Il dipartimento acqua e rifiuti, ha
sollecitato molti comuni e in alcuni casi ha avviato interventi sostitutivi per
le opere. Alla Regione, dunque, l'unica competenza che ha dato lo Stato su
questa materia, è il trasferimento delle risorse. Ora, tentare lo scarica
barile e dire che la Regione è stata commissariata, – aggiunge il presidente –
vuol dire negare un'evidenza contraddetta dalla documentazione in nostro
possesso. Anche gli Ato non c'entrano nulla perché, nel caso dei depuratori,
non sono stati individuati tali enti come soggetti attuatori. Ribadiamo che
questi sono i comuni. Non vogliamo assolutamente effettuare alcuna critica nei
confronti dei comuni, però sinceramente ci siamo stancati di vedere ogni volta
ribaltare la verità. La Regione non aveva la possibilità di intervenire su quei
progetti se non per ragioni straordinarie, quindi saluto come positivo il
commissariamento che sostituisce con un commissario dello Stato, i comuni
interessati all'attuazione tali progetti. Ma, sia chiaro, non c'è un
commissario che interviene sull'assessorato Acqua e rifiuti o che viene per
sostituirlo, nè tale fatto interferisce con il dipartimento regionale. Il
commissario dovrà sostituirsi ai comuni interessati che non hanno ancora
approvato i progetti esecutivi per l'impegno delle somme. I comuni quindi
dovrebbero ringraziare lo Stato, che toglie loro le castagne dal fuoco e –
conclude Crocetta – soprattutto evitare di fare inutili polemiche laddove, per
ragioni varie, alcune anche oggettive, non si sia provveduto a portare avanti
il progetto dei depuratori”.

Lascia un commento