Roma 2013: La perfetta continuità  di #mafiacapitale a Roma centro

In Municipio, 4 commissioni mi hanno sfinito, soprattutto la Trasparenza, dove abbiamo accertato diverse incongruenze nella gestione del nuovo direttore, per l'assegnazione dei 3 progetti alla cooperativa inquisita in ?#?mafiacapitale? denominata Formula Sociale.
Le responsabili non hanno saputo affermare chi ha scelto le aziende, se suggerite dall'ex direttore politano indagato per mafia e denominato nelle intercettazioni “homo nostro” o scelte da loro stesse tramite ricerca internet.
In 3 gare hanno invitato sempre le stesse aziende.
Ha partecipato sempre una sola azienda.
Ad una, (rosablu) non hanno mai inviato la comunicazione via fax, perché la stampa riporta per tutte e tre le gare la ricevuta “no answer” (non inviato-nessuna risposta).
Inoltre, non è dato sapere se, come dice la convenzione, ci siano soggetti svantaggiati e disabili nella misura del 30% come indicato nella convenzione e perché la responsabile come indicato nell'art 2 e 5 della convenzione stipulata, non conosce i nominativi e le caratteristiche dello svantaggio, che ricordo deve essere presente per il 30% del personale che fornisce la prestazione del servizio.
Non sappiamo qnt aziende in realtà dovevano invitare, perchè gli uffici non hanno saputo rispondere se 3 o 5.
Non si sa perché hanno invitato sempre le stesse.
Nn si sa Perché uno dei tre progetti prevede di svolgere comunicazioni istituzionali tramite cooperative esperte in facchinaggio, portierato, guardiana, pulizie etc… di categoria B
Non si sa perché una cooperativa debba gestire l'ufficio informazioni con il pubblico, ufficio piuttosto delicato di comunicazione con la cittadinanza.
Non si sa perché nel progetto ci sia la necessità di un altro responsabile non ancora identificato con compiti informatici e comunicativi altamente delicati affiancato, sembrerebbe dalle prime testimonianze, alla Presidenza.
Non si sa.
Non si sa perché hanno piazzato una persona in ogni macro ufficio ed in tutti i piani con compiti di cancelleria, quindi con possibilità di dialogare con gli uffici stessi.
Non è dato sapere chi sono queste persone, perché la convenzione chiede esclusivamente il nome del responsabile che impegna la ditta a fornire il servizio. Poi se li paga e quanto li paga, al capitolato nn interessa.
Non si sa perché la formula sociale partecipa anche in un quarto progetto.
Effettua (tenetevi forte) il controllo e la valutazione tecnico amministrativa dei progetti 285/97 attraverso una comunicazione interna e coordinamento, cioè decide “chi spende come” ed a chi affidare o riaffidare progetti secondo la loro valutazione.
Anche in questo quarto progetto si ripete il “SISTEMA”, c'è sempre un invito non riuscito. Tra le altre invitate ce ne sono alcune riconducibili ad un legame con le cooperative vincenti, tutte sotto inchiesta.
In totale circa 300.000 euro di gare a procedura negoziata trasformatisi grazie alla complicità degli uffici praticamente in affidamenti diretti.
Non possiamo veder fallire #Roma e rimanere immobili davanti a tanto squallore.
Venerdì ci sarà una nuova commissione trasparenza per avere risposta alle suddette domande, venite anche voi, aiutatemi a mandarli ?#?tuttiacasa?.

PS
In tutto questo ho dovuto sopportare parolacce, umiliazioni, offese personali pronunciate dai miei “colleghi”, solo per il legittimo richiamo al rispetto delle regole dello statuto di Roma Capitale. Il clima è irrespirabile, il municipio è paralizzato non si riesce minimamente a lavorare e proseguire i lavori. Il Presidente d'aula ci tiene in ostaggio e non procede alla convocazione del Consiglio. Hanno inscenato per questo, grazie alla complicità di tutti i giornali, l'annullamento del consiglio su #mafiacapitale denunciando presunte minacce di morte all'assessore Pescetelli, nella precedente Assemblea dedicata alla storia di Piazza Navona, minaccia che io personalmente non ho sentito, anche se sempre presente in aula. Esprimiamo come @m5sroma1 solidarietà al giovane politico ma lo sollecitiamo insieme a tutta la maggioranza ad andare avanti con le sue idee e a non farsi intimorire da presunte minacce di singoli, che devono essere subito stigmatizzate, ma non possono giusti!
ficare il blocco dei lavori d'aula del primo municipio di Roma.

Leggi e commenta:

Lascia un commento