Papa francesco e le differenze incomprese

Ritornando dalla Turchia papa Francesco ha dichiarato che “credo sinceramente che non si possa dire che tutti gli islamici sono terroristi, come non si può dire che tutti i cristiani sono fondamentalisti, perché anche noi ne abbiamo”. Con linguaggio criptico ha messo sullo stesso piano i tagliagola dell’Isis ai conservatori e ai tradizionalisti della Chiesa Cattolica. Appello: non sarebbe il caso che qualcuno spiegasse al papa dei buongiorno, dei buon pranzo e del chi sono io per giudicare una gay, la differenza che passa tra una mitria e un kalashnikov?
Gianni Toffali
Via Strada del Chiodo 12c Dossobuono Verona

Lascia un commento