Matteo, Matteo, perché non la smetti de fa er regazzino?

Bisogna affrettarsi, correre, precipitarsi, magari rompendosi l’osso del collo, finire anche in un burrone, purché si faccia presto perché lo chiedono gli italiani. E se il rimedio è peggior del male? Non fa niente, giacché sono gli italiani a chiedercelo. E se la riforma del senato va a scapito della democrazia e quindi a scapito degli italiani? Non ha nessuna importanza, giacché sono gli italiani a chiedercelo. Non converrà entrare nel merito delle riforme, ascoltare persone colte, competenti, non interessate? No, assolutamente no, bisogna correre, fare presto, niente è più importante del cambiamento. E se si tratta di un cambiamento in peggio? Non fa niente, perché… Matteo, Matteo, perché non la smetti de fa er regazzino?
Veronica Tussi

Lascia un commento