Giustizia: è morto Gerardo D’Ambrosio, ex capo del pool Mani Pulite

E' morto nel pomeriggio in ospedale a Milano l'ex procuratore capo di Milano, Gerardo D'Ambrosio. Aveva 83 anni ed era successo a Francesco Saverio Borrelli, del quale era stato vice procuratore. Dal 1992 fu tra i protagonisti, proprio insieme a Francesco Saverio Borrelli, Antonio Di Pietro, Piercamillo Davigo e Gherardo Colombo, del pool che si occupò dell'inchiesta Mani pulite durante gli anni di Tangentopoli. La famosa inchiesta portò alla luce un sistema di corruzione, concussione e finanziamento illecito ai partiti ai livelli più alti del mondo politico e finanziario italiano in cui furono coinvolti ministri, deputati, senatori, imprenditori e perfino ex presidenti del Consiglio.

Il trapianto di cuore e la malattia – D'Ambrosio, che nel 1991 aveva subito un trapianto di cuore, era ricoverato da due giorni nel reparto di medicina d'urgenza del Policlinico di Milano per una gravissima insufficienza cardio-respiratoria. Oggi pomeriggio attorno alle 15 è morto.

La politica dopo la magistratura – Senatore dei Ds prima e del Pd poi, tra i suoi interventi in Aula si ricordano quelli contro un provvedimento (poi approvato nell'estate 2006) d'indulto che prevedeva sconti di pena di tre anni. D'Ambrosio sosteneva che la quantificazione della riduzione di pena era eccessiva, in quanto sarebbero stati scarcerati molti più detenuti (secondo la stima di D'Ambrosio, circa 24.000) del previsto (la stima era di 10.000 scarcerazioni).

Pm di Milano: “immenso rimpianto” – “Immenso rimpianto per le straordinarie qualità professionali e umane”: così i magistrati della Procura della Repubblica di Milano ricordano il collega. “I magistrati della Procura della Repubblica di Milano – è scritto in una nota firmata dal Procuratore Edmondo Bruti Liberati – si uniscono al dolore dei familiari per la scomparsa di Gerardo D'Ambrosio già Procuratore della Repubblica di Milano e ne ricordano con immenso rimpianto le straordinarie qualità professionali e umane”.

30 marzo 2014

Redazione Tiscali

Lascia un commento