Vomero: mille firme per la riapertura dell’Arcobaleno!

Grande successo della petizione online promossa da Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, al link: http://tinyurl.com/Petizione-per-l-Arcobaleno , petizione che in pochi giorni sta per toccare il traguardo delle mille firme e che è stata anche inoltrata, con un tweet, dallo stesso Capodanno al sindaco di Napoli, de Magistris.

“ Un risultato insperato, all’inizio, al punto che, nel lanciare l’iniziativa su internet, mi ero prefisso, come obiettivo, la metà delle firme sinora raccolte – ribadisce Capodanno -. Poi invece, anche attraverso i social network, la notizia si è diffusa rapidamente ed in tanti hanno voluto testimoniare il loro rammarico ed il vivo disappunto per l’accaduto, sottoscrivendo la petizione “.

“ La chiusura dello storico locale, presente al Vomero da oltre mezzo secolo , ha generato una sorta di reazione a catena, con il classico passaparola – afferma Capodanno -. La perdita di un alto punto di riferimento, un vero e proprio presidio sociale, dove le persone si potevano incontrare e trascorrere del tempo in compagnia di familiari ed amici, dopo la recente chiusura di altre punti di aggregazione culturale, come la libreria Guida Merliani, ha rappresentato l’ennesimo duro colpo per i napoletani, e per i vomeresi, in particolare “.

“ A questo punto – prosegue Capodanno – aspettiamo che anche le istituzioni facciano la loro parte, Regione Campania e Comune di Napoli in testa, per verificare, attraverso un tavolo di concertazione che veda la presenza di tutte le parti coinvolte, le concrete possibilità per riaprire al pubblico la sala cinematografica vomerese, rispondendo così anche alle aspettative del personale che nel frattempo è rimasto senza lavoro “.

“ Intanto stiamo valutando altre iniziative da mettere in campo per sensibilizzare ulteriormente cittadini ed istituzioni sul problema – continua Capodanno -. Tra le altre, si sta prendendo in considerazione la possibilità di organizzare un sit-in da tenersi, condizioni climatiche permettendo, nell’isola pedonale di via Luca Giordano, a pochi passi da via Carelli, dove si trova la sala cinematografica chiusa, invitando nell’occasione anche i rappresentanti istituzionali ed i lavoratori interessati “.

Lascia un commento