“La Rai della Calabria ha gravi carenze di personale”.

“La Rai della Calabria ha gravi carenze di personale”. Lo afferma la deputata M5S Dalila Nesci, che nel merito ha presentato un’interrogazione parlamentare in Vigilanza Rai affinché si promuovano azioni “per nuove assunzioni di personale e investimenti nella formazione per valorizzare le professionalità esistenti, al fine di offrire un servizio più efficiente ai cittadini e scongiurare possibili scioperi”.

Per la giovane deputata tropeana, consultando la pianta organica della Rai della Calabria sono diversi i posti scoperti, soprattutto nel reparto “Produzione”, che conta 24 figure professionali a fronte delle 30 previste. “Vuoti di organico – denuncia ancora Nesci – si registrano anche per quanto riguarda i registi, dato che ad oggi se ne conta uno soltanto”.

“Tutto questo – continua la parlamentare – mortifica le professionalità della Rai, che hanno invece bisogno di essere valorizzate, sia con la formazione, sia con la dotazione di mezzi tecnici più moderni, sia con la realizzazione di programmi che facciano conoscere il territorio e le sue voci”.

La carenza di organico ha portato i dipendenti Rai calabresi ad attivare una procedura di raffreddamento, atto che precede la proclamazione dello sciopero vero e proprio. Ecco perché, conclude Nesci nella sua interrogazione, è necessario avviare iniziative affinché “la dirigenza RAI giunga ad accordi sindacali che puntino in via prioritaria sull’impiego dei lavoratori interni, migliorando così il servizio con l’utilizzo delle risorse umane dell’azienda”.

Dalila Nesci
Cittadina 5 stelle – Deputato XVII Legislatura
Eletta nella Circoscrizione Calabria
Mobile: 342 863 77 06

Lascia un commento