MA ALLORA SE CON QUESTO TRIPOLARISMO NON SI PUO’ ANDARE A PATTI CHE SI FA ? ASPETTIAMO UNA SOMMOSSA POPOLARE PER FAME ?

(tripolarismo italiano…)

I cosiddetti sondaggisti che ormai sembrano essere la “verità rivelata”, chi in percentuale maggiore chi in percentuale minore a seconda della loro autoreferenzialità politica (che non dovrebbe esistere) ci dicono che il paese è diventato ingovernabile in quanto le forze in campo non consentono coalizioni. Anche ieri sera, su Piazza Pulita, condotta da un effervescente e determinato Corrado Formigli (non so come faccia tenere a bada certi ospiti, come la Santanché), è emersa questa preoccupante realtà che, fra le altre, ci ha costretto ieri sera anche a constatare che un Luca Casarini, ormai storico esponente dei No-Global, dice cose talmente condivisibili da strappare applausi a tutto campo. Non nego che, pure io, storicamente suo forte detrattore per i suoi atteggiamenti non sempre…tranquilli, ieri sera mi son ritrovato in lui dalla a alla zeta, come mi son ritrovato in toto sui ragionamenti pacati e realistici di Lorenza Carlassare, nota costituzionalista di Padova, la quale, in sintonia con il mio pensiero, ha affermato che l’Italia, non essendo un paese a vocazione maggioritaria, ha bisogno di un sistema elettorale di tipo proporzionale, sistema quest’ultimo che, senz’altro più democratico del maggioritario, avrebbe più chance per ristabilire una sorta di governabilità che ora non solo non esiste in Italia, ma pare anche del tutto compromessa. D’accordo, con il sistema proporzionale, gli obiettivi non sarebbero semplici a causa dei piccoli partiti che spesso vorrebbero dire la loro bloccando il governo. Ma ora che ci sono i grandi partiti al…governo, vi pare che il lavoro vada a avanti ?!. Non vi pare che tutti quei piccolissimi indizi di ripresa (posto che non siano solo sulla carta) altro non siano se non un auto convincimento, unito ad una sorta di autopromozione, da parte di chi si propone di governarci, allo scopo di seminare quella fiducia che in realtà faticano pure loro ad avere ? Anche perché in questa semina, ci va di mezzo il solito scranno ?

Stiamo attenti perché il momento è tragico (lo prevedevo già , titolando l’articolo con le stesse èparole su questo stesso on-line nel lontano 15 giugno 2011, gratificato ad oggi da ben 7.961 letture), per cui se l’Italia non sarà in grado di sbarazzarsi definitivamente da chi, fallito, svergognato, condannato ecc.ecc. pretenderebbe di scrivere addirittura la costituzione, allora mi vien da dire che gli Italiani hanno bisogno di fame, di essere maltrattati, di essere derisi, realtà che forse (anche se ne dubito fortemente dopo l’esperienza vissuta) potrebbe far aprire loro gli occhi foderati di prosciutto….fatte salve le eccezioni.

Insomma, siamo davvero arrivati al punto di sentir dire parole sagge da un Luca Casarini, stante il fatto che l’attuale governo fa acqua da tutte le parti e tenta solo di tappare i buchi con la carta velina ? Come lo testimoniano gli attuali sondaggi che indicano un calo di gradimento in Letta ed un aumento di consensi in Renzi, ma solo perché – udite udite – questa per gli Italiani appare l’ultima spiaggia praticabile !? E se da qui a poco, analogamente, gli Italiani dovessero optare improvvisamente per Grillo come ultima spiaggia dopo un probabile fallimento di Renzi ?

Ce ne rendiamo conto a che punto siamo ? Mi vien da pensare che Grillo abbia tante ragioni quando dice : “tutti a casa” e non vorrei che, quel 30-40 % fra astenuti ed indecisi, si unisse a lui, nel qual caso, non ci sarebbe più bisogno delle cosiddette grandi intese.

O gli Italiani hanno bisogno di sentire ogni giorno sui vari talk-show la miseria dialettica delle varie Santanché ? Che pare spazientire persino il mio cane quando sente la sua voce, ma anche me per la sua perfida dialettica fatta sempre dalle stesse parole trite e ritrite, ormai non più digeribili politicamente nemmeno dagli stomaci più forti ?

ARNALDO DE PORTI

Lascia un commento