Scambio di voto

Per l'elezione della Camera e del Senato, il PD ha presentato la proposta di legge C1946, che infligge lesioni permanenti alla rappresentatività delle due camere.

Il premio di maggioranza concesso ad un partito è un furto di rappresentanza perpetrato ai danni d'alcuni elettori a favore di altri.

La soglia di sbarramento che impedisce di ricoprire la carica a candidati eletti, di partiti poco votati, è un furto di rappresentanza perpetrato ai danni d'alcuni elettori a favore di altri.

La legge elettorale, che sottrae ad alcuni partiti tutta o una parte dei voti espressi dagli elettori, per aumentare quelli a disposizione d'altri partiti, costituisce un'indebita appropriazione di diritti altrui, per procurare un vantaggio a sé o ad altri.

C'è una circostanza aggravante: il fatto costituisce violazione di doveri inerenti ad una pubblica funzione.

Accettare seggi parlamentari, oltre la misura concessa dagli elettori, è ricezione di diritti provenienti da un atto di sopraffazione.

Web\trentigiorgio\scambiodivoto.doc

Prof. GIORGIO TRENTI
Web www.trentigiorgio.it

Bologna, 22/1/2014

Lascia un commento