No MUOS

MUOS, presentata interrogazione a Parlamento Europeo

L’Italia dei Valori si è schierata, sin dal primo momento, contro la realizzazione della stazione MUOS a Niscemi che possiamo considerare, a tutti gli effetti, una base militare. Le onde elettromagnetiche ad alta frequenza, sulle quali si basa il sistema di telecomunicazioni satellitare della marina militare statunitense, sarebbero, infatti, nocive per la salute dei cittadini e per l'ambiente. A testimonianza di ciò, i lavori di realizzazione sono stati bloccati più volte da provvedimenti dell’autorità giudiziaria, anche se, purtroppo, sono ripresi senza che venisse fatta effettiva chiarezza su sui rischi paventati per la popolazione. Per sensibilizzare le istituzioni, non solo italiane, abbiamo presentato…

L’Italia dei Valori partecipa, con commozione e profondo cordoglio, al giorno di lutto nazionale per la grave tragedia accaduta ieri a largo delle coste di Lampedusa. Per questo, oggi, i siti del partito, del segretario nazionale Ignazio Messina e del presidente Antonio Di Pietro saranno listati a lutto. “Quella avvenuta ieri è stata una strage degli innocenti che ci ha lasciati sgomenti e che è figlia dell’indifferenza e dell’immobilismo di quanti potevano e dovevano fare qualcosa”. E’ quanto dichiarano in una nota congiunta il segretario nazionale dell’Italia dei Valori, Ignazio Messina, e il presidente del partito, Antonio Di Pietro.

Lampedusa, non esiste un diritto all'immigrazione, ma ad una vita migliore
Mi unisco anche io all'appello lanciato dal Progetto Melting Pot Europa per l’apertura immediata di un canale umanitario per il diritto d’asilo europeo. Secondo le ultime stime, in questi decenni il nostro mare avrebbe inghiottito oltre 20.000 vittime: donne e uomini in fuga da guerre, persecuzioni, fame e violenza. Come Italia dei Valori abbiamo sempre fortemente avversato quell'ignobile legge Bossi-Fini: è ora di muoverci nel senso opposto” dichiara Liana Barbati, responsabile nazionale del Laboratorio Diritti civili dell’Italia dei Valori.


Di fronte all'immane tragedia di Lampedusa urge immediato cambio di rotta dell'Europa

L'immane tragedia che si è consumata oggi a Lampedusa impone un intervento immediato delle Istituzioni UE”
Di fronte all'ultimo naufragio occorre un'assunzione di responsabilità di tutta l'Europa, anche dei governi del nord Europa, che non possono limitarsi a scaricare il peso di queste tragedie sui paesi del sud del continente.
Nei prossimi anni i flussi di persone in movimento dal sud del mondo aumenteranno e questo impone un immediato cambio rotta. L'Europa costituisce il miraggio, in questo caso la tragica illusione, di migliaia di donne e uomini in fuga dalla miseria, dalle persecuzione o, peggio, dalla morte.

Lascia un commento