Calcio. Le grandi non steccano. La Lazio cede al potere bianconero

Nella seconda di campionato della serie A, non si registrano particolari anomalie, nel senso che le grandi non steccano con le piccole.
A rimetterci le penne, è la sola Lazio che ha la sventura di vedersela con la Juve . Il risultato, è un pesantissimo 4-1 che deprime non poco le aspettative biancocelesti.
Dopo l’inciampo di Verona, il Milan riprende fiato e porta a casa i primi tre punti del suo campionato battendo 3-1 il Cagliari. La squadra di Allegri non è ancora scoppiettante ma si iniziano a vedere i primi segni confortanti. Tutta da decifrare, invece, la politica del calcio-mercato rossonero. Il via di Boateng e l’arrivo di Kakà, pongono un grande punto interrogativo sul futuro del Milan.
Chi continua a dare segno di continuità e di solidità con il recente passato, è il Napoli del nuovo corso Benitez. Il tecnico spagnolo sta esaltando il popolo del San Paolo che non sente, al momento, l’assenza del goleador Cavani. Hamsik è in grande spolvero all’avvio di questo campionato e ha già realizzato 4 reti in soli due match.
I campioni d’Italia della Juventus, sono quelli che sembrano avere una o più marce in più degli altri. Dopo lo stentato e comprensibile 1-0 nella prima di campionato contro la Sampdoria, sabato hanno letteralmente piegato i biancocelesti per 4-1, dando un segnale di potenza ed affidabilità da vera squadra, tosta solida e bella da vedere.
La Roma, soprattutto quella vista ieri nel secondo tempo, assomiglia al Barcellona di Guardiola, con le dovute proporzioni, ma poi mica tanto. Non si butta via quasi mai la palla, si cerca sempre il compagno più vicino e la qualità dei singoli (Pjanic, Ljajic e Totti) è sublime. Garcia sta facendo davvero un buon lavoro, considerando anche il nuovo assetto difensivo che, in due partite, ancora non fa registrare gol al passivo.
Stessa considerazione per l’Inter di Mazzarri, che, come i giallorossi, fa registrare 5 gol all’attivo e 0 al passivo. Solidità difensiva e bocche da fuoco in attacco. Come è nella filosofia del tecnico nerazzurro, gli esterni stanno spingendo a dovere e non è un caso che Nagatomo sia al secondo gol consecutivo e che Jonathan, dall’altra corsia, sia al suo secondo assist vincente.
Anche la Fiorentina è tra le prime 5 squadre a punteggio pieno. Ieri ha piegato il Genoa 5-2 con una doppietta a testa del nuovo duo offensivo Rossi-Gomez. Le cose girano alla grande nonostante la dipartita di Ljajic, anche se in difesa qualche cosa andrebbe rivista.
Ora ci sarà la sosta del campionato di serie A perché la Nazionale dovrà giocare due incontri importanti validi per le qualificazione ai mondiali 2014. Il 6 settembre gli azzurri giocheranno a Palermo contro la Bulgaria, mentre il 10 settembre a Torino contro la Rep. Ceca.

Lascia un commento