ANIMAVERSO Percorsi Sonori tra Terra e Mare

ANIMAVERSO Percorsi Sonori tra Terra e Mare
V Edizione – dal 17 agosto all’1 settembre 2013

Presenta

Ambrogio Sparagna

& Orchestra Popolare Italiana

domenica 1 settembre –ore 21.00

Piazza Ss. Maria di Portosalvo – Villammare (Sa)

Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili

Con il travolgente live di Ambrogio Sparagna & Orchestra Popolare Italiana si conclude la V edizione della rassegna itinerante “AnimaVerso – Percorsi Sonori tra Terra e Mare”, diretta da Gigi Di Luca, organizzata da Ethnos Club, con il sostegno della Ragione Campania. Domenica 1 settembre in piazza Ss. Maria di Portosalvo a Villammare (Sa) alle 21 va in scena l’ensemble di voci, organetti, percussioni e strumenti tradizionali diretto da Sparagna che propone un variegato repertorio che abbraccia diverse regioni d'Italia, tra pizzica, tarantella, saltarello e tammurriata. Un concerto festoso, euforico e coinvolgente con il pubblico chiamato in causa più volte a prender parte allo spettacolo, tra ritmo, festa e racconti popolari.

Ambrogio Sparagna, compositore, musicologo e profondo conoscitore delle tradizioni meridionali, ha all’attivo numerosi progetti realizzati in collaborazione con prestigiose istituzioni, concertistiche e non. Ha collaborato con grandi artisti come Lucio Dalla, Teresa De Sio, Angelo Branduardi, Francesco De Gregori, Franco Battiato, Carmen Consoli e Peppe Servillo. È stato per diversi anni Maestro Concertatore dela Notte della Taranta e dal 2007 ha fondato l’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, realizzando tournée in tutto il mondo.

Sparagna (voce e organetti), è accompagnato da Erasmo Treglia (violino), Valentina Ferraiuolo (voce, tamburelli), Cristiano Califano (chitarre), Raffaello Simeoni (voce, fiati popolari), Clara Graziano (voce, organetto, danza) e Ottavio Saviano (percussioni). Dal vivo presenta “Taranta d’Amore” spettacolo tratto dall’ultimo lavoro discografico, edito da Finisterre e ispirato ai canti e balli tradizionali italiani.

Lascia un commento