[Associazione 2 agosto 1980] premiazione concorso "le buone pratiche storia e memorie a scuola"

RICEVIAMO E CON ORGOGLIO DIVULGHIAMO

La Rete degli archivi per non dimenticare, in collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, sotto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica ha bandito il concorso “Le buone pratiche storia e memorie a scuola”. con l'obiettivo di dare visibilità ai percorsi realizzati dalle scuole italiane di ogni ordine e grado sui temi legati al terrorismo, alla criminalità organizzata e alla violenza politica, anche in vista della creazione di un archivio nazionale delle buone pratiche, consultabile sul portale della Rete. Sono risultati vincitori: – Istituto comprensivo di Rastignano (BO) – Scuola primaria, con Storie e memorie a scuola; -Scuola secondaria di primo grado di Marzabotto (BO) -, con Gocce di memoria; , – Scuola delle arti e della formazione professionale “Rodolfo Vantini” e Istituto comprensivo “Giacomo Perlasca” di Rezzato (BS), con Il cammino della memoria; -Menzione speciale al Liceo ginnasio “Melchiorre Gioia” di Piacenza per Settanta.
(http://www.memoria.san.beniculturali.it/web/memoria/didattica/scheda-concorsi?p_p_id=56_INSTANCE_lo2P&articleId=
100133&p_p_lifecycle=1&p_p_state=normal&groupId=11601&viewMode=normal)

I vincitori sono stati premiati l'8 maggio nell'ambito delle manifestazioni per la Giornata della memoria delle vittime del terrorismo durante una giornata organizzata dalla Direzione Generale per gli Archivi, l'Archivio di Stato di Roma e dalla Rete degli archivi per non dimenticare. Il 9 maggio, durante le Celebrazione del Giorno della memoria Il Presidente della Repubblica Napolitano, coadiuvato dal Ministro dell'Istruzione, dell'Università e dalla Ricerca, dal Ministro per i Beni e le Attività culturali, ed alla presenza del Presidente del Senato, ha consegnato le medaglie “Presidente della Repubblica” alle scuole vincitrici del concorso.

Il presidente
Paolo Bolognesi

Lascia un commento