La passione di Giovanni Floris per Renata Polverini

Può darsi che io mi sbagli, però credo che i giornalisti della televisione, invitando spesso ai talk show personaggi politici, abbiano in qualche modo contribuito al loro successo. Non pagati, hanno fatto spesso un’efficacissima campagna elettorale a loro favore. Basti pensare all’effetto del “contratto con gli italiani” esibito da Silvio Berlusconi nel salotto di Vespa. Ora, come non attribuire a certi giornalisti della televisione qualche responsabilità per avere reso un servizio a personaggi politici che hanno recato danni al Paese? Giovanni Floris ha cominciato ad invitare troppo spesso Renata Polverini nella sua trasmissione, sin da quando era per molti telespettatori una quasi sconosciuta sindacalista. Grazie a Floris, molta gente fu conquistata dal faccione pacioso sempre sorridente, da buona dolce mamma di famiglia, della signora Polverini. E la signora sindacalista fu eletta presidente della regione Lazio, e tutti sanno come ha amministrato la regione, tutti sanno degli scandali, tutti hanno visto il faccione pacioso e sorridente alla “festa dei maiali”. Tutti sanno anche del premio dato alla buona mamma della festa dei maiali: è diventata senatrice della Repubblica Italiana. E Giovanni Floris che fa? Invita nuovamente il faccione pacioso e sorridente nella sua trasmissione (Rai 3 – 16 aprile). E lei tranquille a serena, col suo bel sorriso, ha fatto il discorso che fanno tutti i politici del Pdl in questo periodo: vogliono un governo subito, un governo col Pd, nell’interesse dell’Italia, giacché sarebbe invece loro interesse il ritorno alle urne. Si sacrificano, insomma. In realtà, il ragionamento è: meglio l’ovetto oggi che mette al sicuro Berlusconi, che la gallina domani alla quale non si è certi di tirare il collo. Ma Floris ha un debole per la Polverini?

Attilio Doni

Lascia un commento