PORCELLOCRAZIA

“L Italia in meno di un ventennio e’ diventata la prima porcellocrazia al mondo dove tutti vorrebbero comandare senza aver imparato prima a governare”

di Carlo Zaga

L’ Homo Politicus non si rende ancora conto che mentre si reca in pelligrinaggio al Colle, dando il via ai cosidetti inciuci, patteggiamenti da mercanti sordi, guerreggiando, su chi e’ il primo partito d’ Italia la nostra democrazia in un ventennio e’ passata da rappresentativa, partecipativa e diretta ad una mediocre porcellocrazia in tutti i sensi, vuoi politica, istituzionale e amminastriva. Adesso anche i “grillini”, credono di poter governare un Paese prossimo alla bancarotta, Grillo ha chiesto un mandato di formare il nuovo governo, senza averni i numeri in parlamento. Francamente al Senato nessuno avra’ i numeri per formare nemmeno un governicchio come accadeva nella cosidetta prima Repubblica. Economicamente poi. e’ come se un padre di famiglia cercasse di comprare una macchina nuova a rate, pur sapendo che all’ indomani i suoi figli dovranno fare la fame. per ripagarla. E’ da due o tre anni a questa parte che tutte le forze politiche a turno, ci parlano di riforme istituzionali, politiche e sociali necessarie per il bene del Paese ed io sfido chiunque ad esplicarmene i dettagli. Il mio modesto e gratuito consiglio che vorrei dare a tutte le forze politiche oggi in campo, e’ quello di eleggere un nuovo Capo del Governo non politico e di grande spessore e integrita’ intellettuale e passare un decreto per abolire sia il mattarellum che il porcellum, andare subito alle urne con il vecchio sistema elettorale proporzionale secco (collaudato per oltre 40 anni) e ottenere una nuova assemplea costituente. Dopo di che occorre un governo di larghe intese e fare quelle riforme necessarie per il bene del Paese. Andare avanti con i tentativi di formare giovernicchi di convenienza da una parte e governissimi dall’ altra mentre si scende in piazza contro le istituzioni precostituite , si fa ancora del male alla democrazia e ai cittadini.

C. Zaga

Lascia un commento