L’AUTONOMIA NON PAGA

Siamo, ora, in grado di comunicare come sono andate le consultazioni elettorali nella Circoscrizione Estero 2013. In buona sintesi, la situazione conferma la tendenza nazionale sotto il profilo della non governabilità del Paese. Alla Camera dei Deputati andranno cinque eletti aderenti al partito Democratico (PD), due della Lista Monti, uno del Popolo della Liberà (PdL), 1 del Movimento 5 Stelle, due del Movimento Associativo Italiani all’Estero (MAIE) ed uno dell’Unione Sud Americana Emigrati Italiani (USEI). Così torna il numero 12 dei Deputati di pertinenza della Circoscrizione Estero. Inspiegabile “flop” del Movimento “Insieme” che rappresentava una nuova ottica di far politica e presente nella Ripartizione Centro e Nord America. Per i seggi di Palazzo Madama, la tendenza è assai simile. Sono stati eletti quattro Senatori del Partito Democratico (PD), uno della Lista Monti ed uno del MAIE, il Movimento Associativo Italiano all’estero. Anche per il Senato della Repubblica, non l’ha spuntata nessun candidato di “Insieme”. Da una prima analisi dei risultati elettorali, s’evince che il PD, con i suoi 5 seggi alla Camera e 4 al Senato è il partito maggioritario per gli italiani nel mondo. Segue la formazione di Monti e, fanalino di coda, il PdL. Ancora una volta, se l’è cavata l’associazionismo del MAIE e dell’USEI. Completamente tagliato fuori il movimento “Insieme” che si era presentato, in totale autonomia, ma con un programma fitto di valide iniziative al servizio del Bel Paese. Anche dall’estero, con nostro gran rammarico, si è confermata la non governabilità dell’Italia. Prima dell’insediamento del Parlamento nazionale, previsto per la metà del mese prossimo, sarà nostra premura cercare di comprendere le strategie che hanno portato, anche dall’estero, ad una situazione di stallo certamente non favorevole ai milioni di Connazionali chiamati a condividere il destino di questo nostro Bel Paese. Il nostro Osservatorio resta a disposizione per dare pubblico riscontro anche per quanto è capitato nella Circoscrizione Estero.

Giorgio Brignola

Lascia un commento