Giocherò nel Barà§a! Barà§a ou Barzakh! (Narrativa San Paolo ragazzi) – Novità  editoriale di Gemma Pasqual i Escrivà 

Mabale vorrebbe giocare nel Barcellona e anche Amadou ha un sogno da realizzare. Entrambi vogliono aiutare le loro famiglie a uscire dalla povertà. Per riuscirci sono pronti ad attraversare l’oceano e sfidare i pericoli.

Senegal. Amadou è un ragazzo di diciassette anni che deve lasciare gli studi e mettersi a fare il pescatore per aiutare la famiglia: è orfano, ha due fratelli, quattro sorelle e una nonna. La miseria è tanta e le prospettive così poche che Amadou sposa il sogno del suo amico Mabale: “Barcellona o morte!”.

Amadou e Mabale, dopo mesi di preparativi, salpano a bordo di un barcone insieme ad altri ragazzi con il loro stesso sogno. Fra questi c’è Noolamala, una splendida ragazza di cui Amadou si innamora a prima vista e che lo ricambia. Noolamala è incinta e spera di far nascere la sua bambina in Europa, in questo modo non sarà rimpatriata e potrà dare alla figlia un futuro migliore.

Il viaggio è difficile e tormentato. L’imbarcazione è una vecchia carretta, sprovvista anche di medicine. Molti non resistono alle condizioni di viaggio disumane; anche Mabale si ammala e muore, e con lui il sogno di giocare nel Barcellona e aiutare la sua famiglia e gli amici con i soldi guadagnati.

Durante la traversata Noolamla entra in travaglio e la piccola Africa viene al mondo in acque internazionali, infrangendo le speranze della ragazza di far nascere la figlia in Europa. Neanche Noolmla riesce a superare la traversata e Amadou decide che si prenderà cura della bambina. Il viaggio è ancora lungo, ma quando tutto sembra perduto, ecco finalmente i soccorsi e la prospettiva di una nuova vita.

L’autrice

Gemma Pasqual i Escrivà è una scrittrice catalana e vive a Valencia. Prima di dedicarsi al giornalismo e alla letteratura per ragazzi ha lavorato nel campo della finanza e presso l’IBM. Ha maturato una lunga esperienza di corsi di lettura e di animazione nelle scuole. Ha scritto numerosi romanzi e collaborato con varie riviste specializzate fra le quali «CLIJ-Cuadernos de Literatura Infantil i Juvenil», prediligendo temi di attualità e di carattere sociale. Inoltre è membro del consiglio dell’Associazione degli Scrittori Catalani e membro del consiglio di amministrazione e del comitato consultivo dell’Istituto Catalano di Lettere. Presso le Edizioni San Paolo ha dato alle stampe La ballerina di Baghdad (2010 e Giocherò nel Barça (2012).

http://www.edizionisanpaolo.it/varie_1/ragazzi/narrativa-san-paolo-ragaz/libro/giochero-nel-barca.aspx

Zazie news l’almanaco dei libri per ragazzi

Soltanto chi ascolta impara

Ho letto molte storie africane, storie ambientate in Africa, scritte da africani che vivono in Europa e in America, ho pubblicato poesie africane, mi sono dedicata con gli studenti dell'Accademia Drosselmeier ad una mostra di libri internazionali, corredata di un catalogo, mi sento quindi vicina al “tema” proposto dalla scrittrice catalana Gemma Pasqual i Escrivà, ma pur conoscendo molte cose, non sono passata indenne dalla lettura di questo racconto. Sono profondamente scossa. Il racconto é dedicato “A tutte le persone che hanno perso la vita inseguendo i propri sogni” e di recente queste persone sono africane e perdono la loro vita su carrette per approdare in Europa. L'autrice catalana probabilmente li ha visti arrivare alle Canarie nel biennio 2005-2006.

Le foto che ho rintracciato sono eloquenti. Il libro non parla di calcio come la copertina potrebbe far intendere. Parla di vite umane, di quelle delle donne, degli uomini, dei bambini.

Soltanto chi legge impara, per parafrasare la nonna africana che sa raccontare e che é una voce viva della narrazione. Leggete e fate leggere. Grazia Gotti

http://zazienews.blogspot.com.es/2013/01/soltanto-chi-ascolta-impara.html

Scuola Magazine

Il Magazine sulla Scuola Pubblica. Tutti i giorni riportiamo news, pareri e anticipazioni per i Docenti, il Personale Ata e gli Studenti

Mabale vorrebbe giocare nel Barcellona e anche Amadou ha un sogno da realizzare. Entrambi vogliono aiutare le loro famiglie a uscire dalla povertà. Per riuscirci sono pronti ad attraversare l’oceano e sfidare i pericoli.

Lascia un commento