CS SCHIRRU (PD): Un’interrogazione al Ministro: intervenga su tirocini e formazione disabili.

“La situazione è preoccupante. Da Agosto l’INPS ha bloccato la stipula di nuove convenzioni per l’attivazione dei tirocini di formazione e orientamento e l’attivazione di rapporti di tirocinio in relazione a convenzioni già sottoscritte per i giovani disabili. Questo in mancanza di chiarimenti sui commi 34 – 36 dell’articolo 1 della recente legge di riforma del lavoro, in particolare su quali tipologie di tirocini vada applicata “la congrua indennità in relazione all’attività svolta” e sulle sanzioni in caso di inottemperanza, né esiste ancora comunicazione sulla regolamentazione attraverso le opportune linee guida condivise tra Stato e Regioni. L’INPS stessa ne ha chiesto conto in una nota recente al Ministero del Lavoro.

Il risultato tuttavia è uno solo. I disabili continuano a perdere diritti e opportunità: l’inserimento sociale e l’inclusione lavorativa, che in queste particolari situazioni dovrebbero rappresentare l’obiettivo prioritario, sono fermi e le prospettive future sembrano ancora più drammatiche. Aziende e privati, nell’incertezza, cominciano a chiedere ai centri di formazione professionale il ritiro degli allievi con disabilità.

Questi i motivi per i quali abbiamo presentato un’interrogazione al Ministro del Lavoro, firmata dai colleghi Argentin, Pedoto, Gatti, Codurelli, Bocuzzi, chiedendo che siano date disposizioni urgenti per l’emanazione delle necessarie linee guida, nonché chiari indirizzi in materia. Nel contempo, occorrerà predisporre una opportuna gestione transitoria che consenta la continuità delle attività avviate.
Troppi giovani con disabilità attendono che si esca da un limbo che li penalizza e mortifica. Anche solo pochi mesi di fermo e indeterminatezza sono significativi: ci auguriamo che la Fornero ci ascolti e intervenga con la dovuta prontezza.”

On.le Amalia Schirru
339 3764324

Lascia un commento