“MILLE PER L’ITALIA” – PER I CONNAZIONALI UN’OCCASIONE PER ESSERE PROTAGONISTI DELL’ITALIA CHE VERRA’

“Crederci veramente e mettere al servizio dell’Italia le proprieidee”. Questa è la sintesi del progetto lanciato dal Presidente Finilo scorso luglio, con il quale vogliamo e pretendiamo di creare lebasi per ricostruire la politica, le aspettative degli italiani ed ilfuturo dell’Italia. Scrollandoci di dosso le pesanti impalcature dei sistemi di partito,la corsa alle poltrone e all’autoreferenzialità. Concentrandoci soltanto su quello che vogliamo e possiamo fare per unPaese, le cui potenzialità sono state certamente compromesse da annidi politica fallimentare e clientelismo radicato. Si parla continuamente di crisi della politica, quasi come se non cifosse più nulla da dire nel variegato mondo dei commentatori politici. In realtà quella che stiamo sperimentando in questi mesi è la “crisidi un sistema” che da più parti si reputa ormai arrivato al capolinea. Il sistema entro cui è stato strutturato il fare politica negli ultimianni è stato talmente contaminato e caratterizzato da basi cosìfragili, che ora sta mostrando tutta la sua debolezza e soprattutto lasua mancata armonia con quanto invece la società chiede e ricerca. La politica non può configurarsi soltanto in un intricato sistema diclientele e di interessi di parte camuffati come bene comune. Come ha evidenziato il Presidente Fini ci sono tantissimesfaccettature della politica moderna, tante esperienze nella nostrasocietà che dimostrano che si può fare politica in tanti modi,attraverso l’associazionismo, il volontariato, il no-profit, e ogniqualvolta si cerca di garantire interessi legittimi e si cerca dimigliorare le condizioni della società. Praticamente tutto quello che caratterizza il mondo degli italianiall’estero, strutturato intorno a realtà, profili ed organizzazioniche da anni lavorano in nome del valore più grande e straordinario,quello della Patria e della sua piena valorizzazione. Gli italiani all’estero possono giocare adesso una partita decisiva,come protagonisti del cambiamento e come promotori dell’evoluzione. Perché rappresentano un valore aggiunto: un punto di vista diverso enon schiacciato sotto il peso della quotidianità italiana, ma piùneutrale abituato a scrutare le performance della politica e delleistituzioni da lontano. Gli italiani all’estero in questo determinato momento storico nonpossono permettersi di rimanere all’angolo come osservatori inerti diun cambiamento che si attende da tempo. Ma devono essere parte stessa del cambiamento, componenteimprescindibile dell’Italia che verrà. Che sarà bellissima,democratica e moderna. Io ci credo e sono certo che anche voi volete e potete crederci. A settembre si svolgerà una Assemblea costituente dei “Mille perl'Italia”, un progetto che vuole coinvolgere donne e uomini liberiche pensano di avere delle idee per il futuro del nostro Paese. Non ci interessano le tessere di partito, le schede elettorali e leliste di rappresentanza: abbiamo a cuore soltanto la condivisione,mettendo a disposizione l’idea di Italia che si ha in testa sopra ognicosa. Armandoci di coraggio e soprattutto di lungimiranza sarà possibilespazzare via quanto ancora resta del vecchio sistema oramai sulla viadel tramonto. Per questo, invito chiunque si riconosca in questa ambizione a fare unpasso avanti e a segnalarsi come parte dei “Mille per l’Italia” edunque parte dell’evoluzione dell’Italia. Noi ci crediamo, fallo anche tu, senza etichette di partito, mamettendoti al sevizio del Paese per un’Italia migliore!

Aldo Di Biagio

Lascia un commento