archivio di politicamentecorretto.com

SISTEMA ITACA CON IL SEGNO "PIU’" NONOSTANTE LA CRISI

Positiva la marginalità, utile di 730 mila euro

Il 29 giugno a Pordenone anteprima nazionale per il lancio di “FAB”

Pordenone

Il bilancio 2011 della Cooperativa sociale Itaca si chiude con risultati molto favorevoli, positiva la crescita di occupazione che supera le 1300 unità, l’80% è rappresentato da soci lavoratori e l’83% da donne. Positiva la crescita di attività con un valore della produzione che supera i 34 milioni di euro, positiva la marginalità con un utile di 730 mila euro, pari al 2% del fatturato. “Contrariamente al contesto economico generale, il 2011 di Itaca conferma non solo la capacità di ‘tenuta del sistema cooperativo’ rispetto ad altre forme di impresa – spiega il presidente Leo Tomarchio oggi dalla sede centrale in vicolo Selvatico a Pordenone-, ma anche la volontà di Itaca, impegno e capacità nel perseguire le finalità sociali”. Il risultato operativo, prima del ristorno ai soci e della tassa al fondo mutualistico (3%), è pari a 2,2% per un valore di € 738.520.

Fondata il 29 giugno 1992 a Pordenone, Itaca è una Cooperativa Sociale di tipo “A” che celebrerà proprio il 29 giugno all’ex convento di San Francesco i suoi primi 20 anni di vita lanciando in anteprima nazionale “FAB”, un progetto di rilancio del territorio. Itaca opera nei campi dell'impegno sociale, sanitario ed educativo, gestendo servizi suddivisi in cinque aree produttive: Domiciliare Anziani, Residenziale Anziani, Disabilità, Salute Mentale e Minori – Età evolutiva. La Coop friulana è impegnata in una vasta area territoriale che comprende il Friuli Venezia Giulia, le province venete di Treviso, Venezia e Belluno e la provincia autonoma di Bolzano.

Al 31 dicembre 2011, si registravano 1302 lavoratori dipendenti di cui 1174 con contratto a tempo indeterminato, con una percentuale di occupazione femminile sensibilmente cresciuta superando l’83%. L’occupazione dei 1004 soli soci lavoratori è aumentata del 22%. Non è scontato ribadire la dovuta rigorosità e correttezza nell’applicazione del CCNL Coop sociali, la regolarità nel pagamento delle retribuzioni (che in tutta la vita di Itaca non ha mai avuto ritardi).

“Il valore della produzione e il risultato operativo conseguono ad una politica gestionale di sviluppo che ha sempre voluto comprendere una crescita sostenibile, ancorata al nostro territorio – prosegue il presidente Tomarchio -. L’incremento del fatturato in termini assoluti è stato di 2,5 milioni di euro, dovuto per il 77% a nuove gestioni di servizi in Alto Adige e Veneto”, mentre la differenza è riferita al consolidamento della nostra presenza nel territorio regionale del Friuli Venezia Giulia che concentra il 78,5% della nostra complessiva gestione.

“Il radicamento territoriale resta una nostra politica di sviluppo che restituisce valutazioni positive riguardo la nostra regione – spiega il direttore Orietta Antonini – anche in relazione ai nostri committenti i quali, generalmente e diversamente da ciò che accade in altri contesti con regolarità e correttezza nella gestione tecnico amministrativa dei servizi, hanno addirittura accorciato i tempi di pagamento consentendoci un ulteriore rafforzamento finanziario”.

L’utile prodotto è pari se non superiore alla teorica tassazione Irap che sarebbe dovuta se Itaca fosse residente, ad esempio, in Veneto (il provvedimento della Regione FVG di esenzione per le cooperative sociali risale al 2005). “Itaca non ha mai utilizzato l’esenzione come un vantaggio competitivo – sottolinea Antonini -, anzi ci siamo battuti per non trasformarla in un mero sconto di tariffe ma per incrementare la capacità di produrre servizi, innovazione e occupazione”.

“Il contenuto indebitamento che oggi abbiamo, in passato riconducibile ai ritardi di pagamento della pubblica amministrazione – evidenzia il direttore di Itaca -, grazie ad azioni sistematiche verso la committenza ed anche al fatto che siamo in una regione virtuosa, consente di non bruciare in interessi passivi la nostra capacità di investimenti futuri”. Il tutto in presenza della consolidata normativa sulla previdenza complementare che ha comportato, a partire dal 2007, l’uscita di un flusso di cassa superiore a 3,5 milioni di euro che è oggi il valore del fondo trattamento di fine rapporto presso la Tesoreria dell’Inps.

Anche se non è giuridicamente un sistema, Itaca ha continuato a sostenere il “sistema cooperativo” locale. La condivisione di reti è ampliata a tutte le partecipate come il Consorzio Welcoop o la Cooperativa Hattiva, solo per citare degli esempi, e la solidarietà si estende anche attraverso servizi tangibili forniti alle Cooperative L’Agorà e Maciao. I partner con cui abbiamo attività in associazione temporanea di impresa o attraverso consorzi sono tutti del Movimento Cooperativo e rappresentano il 60% circa del fatturato. Questa capillare rete conferma la rilevanza non solo politica ma anche produttiva dei rapporti di collaborazione esistenti (intesa in termini di fatturato e di impostazione organizzativa che ne deriva).

Sul totale dei committenti, le pubbliche amministrazioni ne rappresentano il 10%, a fronte di un fatturato pari al 94%, mentre i committenti persone fisiche (550 persone comprensive dei servizi a compartecipazione della spesa) sono il 90% e sviluppano il 6% del fatturato.

“Negli anni a venire la deriva verso le voucherizzazioni, le compartecipazioni, le privatizzazioni, riguarderà sempre più non solo i servizi assistenziali, ma come sta già avvenendo investirà prepotentemente l’area sanitaria. Dovremo quindi – concludono all’unisono Tomarchio e Antonini -tentare di rendere coerente la nostra visione con le nuove esigenze dettate dalle nuove povertà e dall’incessante crisi”.

www.facebook.com/cooperativaitaca

Fabio Della Pietra

Ufficio Stampa

Cooperativa sociale Itaca

Pordenone

www.itaca.coopsoc.it

348 8721497

0434 366064

Prot. 957

——————————————————————————–
COOPERATIVA ITACA Soc. Coop. Soc. ONLUS
Vicolo R. Selvatico 16
33170 Pordenone
Tel. +39 0434 366064 – Fax +39 0434 253266
www.itaca.coopsoc.it
——————————————————————————–

FAB in orbita a Pordenone il 29 giugno 2012 ore 17.30
www.i-fab.it

Exit mobile version