Campionato per bambini organizzato a Roma dal Roma Club di Gerusalemme

Alcuni mesi orsono, a certi visionari del consiglio esecutivo del Roma Club Gerusalemme, venne un’idea tanto strampalata quanto temeraria, e cioè provare a organizzare un torneo a Roma per i bambini della scuola di calcetto del club. Solo pensare di riuscire a gestire 21 scalmanati di 8-10-12 anni in giro per le strade di una città caotica come Roma era da mal di testa. Ma i nostri non si scomposero più di tanto e via con telefonate, e-mail a più non posso. Ora che il sogno si è avverato, e possiamo affermare con un successo insperato, è doveroso ringraziare S.E. l’Ambasciatore d’Italia in Israele Luigi Mattiolo sia per l’appoggio datoci sia per averci spronato a continuare anche quando sembrava non se ne venisse a capo.
Un sentito grazie va anche alla società Maccabi Roma che con suoi dirigenti prima ha recepito positivamente l’idea, poi con grande professionalità ha fisicamente permesso ai nostri bambini di vivere le fatiche e le gioie di un torneo con i loro pari età. Di pari importanza per noi e’ stato l’appoggio logistico della scuola Ebraica per la mensa messaci a disposizione, gli incontri didattici avvenuti con le loro classi e per i suoi docenti con l’affettuosa ospitalità della Direttrice. Cosi` anche il Direttore del Museo Ebraico di Roma e le due guide che in ebraico hanno seriamente interessato i bambini durante la visita al museo e alla sinagoga.
Vanno altresì ringraziati il Comune di Roma Capitale che ha sostenuto con gli autobus dell’ATAC tutti gli spostamenti del gruppo, e la ASRoma calcio che ci ha ospitati a Trigoria e dato la possibilità di incontrare i giocatori ed assistere ad loro allenamento.
Non possiamo tralasciare Yud Preziosi, il nostro sponsor, senza il suo forte sostegno tutto questo sogno non si sarebbe mai avverato.
Detto questo, a nome del Roma Club Gerusalemme, vorrei elogiare i genitori per il grande aiuto dato agli accompagnatori e i bambini, grandi protagonisti di questa avventura, per essersi comportati da piccoli uomini con educazione e grande senso di appartenenza ad un club che, come il nostro, punta sopratutto ad un’amalgama di religioni, lingue, culture e quant’altro nel nome dello sport. Arrivederci al prossimo sogno.

Sempre Forza Roma.

Roma Club Gerusalemme

Lascia un commento